“I dieci comandamenti”: tra finzione teatrale e realtà, un viaggio intimo nell’universo carcerario per raccontare l’umanità che ancora c’è

ROMA – Stasera alle 21,30 su Raitre ultima puntata stagionale de “I dieci comandamenti”. Titolo: “Anime salve”, un viaggio sospeso tra finzione teatrale e realtà. Durante l’allestimento di Beatitudo di Borges, Domenico Iannacone entra in contatto con i protagonisti di questa esperienza rivoluzionaria e ne raccoglie storie e scelte di vita.

Un viaggio intimo e inaspettato nell’universo carcerario per raccontare l’umanità che ancora c’è. Cosa spinge un uomo libero a varcare la soglia di un carcere ogni giorno per anni? Perché si auto-reclude? Cosa cerca lì dentro?

Il regista teatrale Armando Punzo ha trovato la sua dimensione umana e professionale proprio in un carcere, quello di Volterra, dove da trent’anni ha fondato e dirige “La Compagnia della Fortezza”, formata da detenuti-attori. Questo progetto, unico nel suo genere, è studiato da ricercatori internazionali.

Armando Punzo non si pone il problema della redenzione o del reinserimento sociale di chi sconta una pena, ma in ogni spettacolo che mette in scena consente la riaffermazione del diritto di esistere come individuo al di là di qualsiasi crimine e reato commesso.