Impeachment: Trump assolto, non bastano i 7 sì repubblicani

59

WASHINGTON – Il Senato ha assolto Donald Trump anche nel secondo processo d’impeachment, nel quale era accusato di istigazione all’assalto del Congresso. A favore della condanna 57 voti, di cui sette repubblicani. I no sono stati 43. Per la condanna erano necessari 67 voti, ossia i due terzi dei 100 senatori. Con l’assoluzione nel secondo processo d’impeachment, è finita una “caccia alle streghe”, ha affermato l’ex presidente Usa in una dichiarazione subito dopo la votazione in Senato. Trump ha aggiunto di voler “continuare” a difendere “la grandezza dell’America”.

“Il nostro meraviglioso movimento storico e patriottico per fare l’America di nuovo grande e’ solo all’inizio, nei prossimi mesi avro’ molto da condividere con voi e non vedo l’ora di continuare il nostro incredibile viaggio insieme per conseguire la grandezza americana per tutti”, ha affermato Trump, ventilando cosi’ il suo ritorno sulla scena politica. Dopo aver votato per l’assoluzione di Trump, il leader dei senatori repubblicano Mitch McConnell ha comunque ribadito la sua condanna contro l’ex presidente, definendolo “praticamente e moralmente responsabile” per l’attacco al Capitol.

In una conferenza stampa dopo l’assoluzione di Donald Trump nel processo di impeachment, Nancy Pelosi ha attaccato il leader dei senatori repubblicani Mitch McConnell per il suo comportamento “patetico” e “il gruppo di repubblicani codardi che hanno avuto paura di fare il loro lavoro rispettando l’istituzione in cui servono”. La speaker della Camera ha criticato McConnell per essersi rifiutato di convocare subito il Senato per iniziare il processo, quando Trump era ancora in carica, e di aver usato poi questo ritardo come motivo per assolverlo.