Inail: “Contrarre il coronavirus sul lavoro è infortunio, non malattia”

ROMA – “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e per tanto sono riconosciute come infortunio” sul posto di lavoro. Lo ha precisato il presidente dell’Inail, Franco Bettoni:

“Se una persona ha contratto il virus sul lavoro e poi è deceduta sarà considerato a tutti gli effetti – ha concluso Bettoni – una vittima sul lavoro”.