M5S, pareggio al Senato nel voto sui capigruppo: 36 a 36

75

ROMA – E’ stallo nelle votazioni per il rinnovo della carica di presidente dei senatori del Movimento 5 stelle. Il risultato del primo scrutinio, che richiede, in base al regolamento, la maggioranza assoluta dei componenti del gruppo, vede un pareggio fra il capogruppo uscente Ettore Licheri e la sfidante Mariolina Castellone: 36 voti a testa. Il voto è largamente considerato nel Movimento come un test della presa del nuovo leader Giuseppe Conte, il cui candidato ufficioso è considerato l’uscente Licheri, benché anche Castellone sia considerata “contiana” e comunque non da incasellare nella fronda contraria all’ex presidente del Consiglio.

In base al regolamento del gruppo anche il secondo scrutinio richiede la maggioranza assoluta dei componenti del gruppo, che sono 74: ne servono quindi 38. Se nessuno li ottenesse nemmeno alla seconda votazione, al terzo turno di voto sarebbe sufficiente la maggioranza dei votanti effettivi. Il secondo scrutinio è previsto per domani, ma secondo alcune fonti interne potrebbe anche essere rinviato.