Marco Biagi, Letta: “La follia brigatista spense la sua voce. Non le sue idee”

35

ROMA – “Ore 18 di quel maledetto 19 marzo 2002. Squillò il telefono. Risposi, era Marco Biagi. Lavoravamo in Arel da giorni a un progetto innovativo di ammortizzatori sociali. Fissammo un incontro due giorni dopo per finalizzarlo. La follia brigatista spense la sua voce. Non le sue idee”.

Così, su Twitter, il neo segretario del Pd Enrico Letta (foto) ha voluto ricordare Marco Biagi, assassinato a Bologna 19 anni fa.