Maroni, Allegri e Caressa all’evento “La gestione dei leader”

Maroni, Allegri e Caressa all'evento "La gestione dei leader"

MILANO – “La gestione dei leader”: è questo il tema dell’esclusivo incontro, organizzato da SGB Humangest Holding giovedì 13 giugno, per dibattere su come poter gestire al meglio i leader all’interno di una squadra o di un gruppo di lavoro. Un appuntamento che ha coinvolto le più importanti figure dalla sfera manageriale italiana, nella splendida cornice del Castello Sforzesco di Milano.

Ad aprire l’evento, una visita guidata privata, che ha portato gli ospiti alla scoperta delle aree più riservate del Castello. A seguire, il Presidente SGB Humangest Roberto Maroni ha aperto il dibattito insieme al pluriscudettato allenatore Massimiliano Allegri. Moderatore tra le parti, il noto giornalista e conduttore televisivo Fabio Caressa.

“Nelle mie esperienze precedenti, nella politica e nel mondo delle aziende multinazionali americane in cui ho lavorato per dieci anni, c’era il leader, il capo che ti doveva motivare, fissare degli obiettivi difficili ma non impossibili da raggiungere e questo ti stimolava molto – ha dichiarato il Presidente del Gruppo SGB Roberto Maroni – La leadership riguarda, prima di tutto, i rapporti umani, e si basa sulla differenza tra autorità e autorevolezza. Un leader deve avere l’umiltà di fare quello che serve per il cittadino, saper ascoltare, fare scelte coraggiose e impopolari ma che sono un investimento sul futuro per la risoluzione dei problemi. In una leadership, infine, non sono convinto che l’esperienza sia fondamentale: un proverbio cinese dice che ‘l’esperienza è una lampada che hai appesa sulla schiena, illumina il percorso che hai fatto non quello che hai davanti’, quindi se non hai l’esperienza devi sostituirla con l’umiltà di metterti a studiare”.

La sala del Castello, adibita per l’evento, ha accolto numerosi ospiti che con grande attenzione hanno seguito lo scambio di idee dei relatori e i loro interessanti parallelismi tra il mondo del lavoro e quello dello sport, focalizzandosi sulle caratteristiche dei leader e del loro impatto sui comportamenti del gruppo, senza dimenticare il grande cambiamento che i social network hanno apportato in tali dinamiche relazionali.

Sulla gestione dei leader, il tecnico Massimiliano Allegri ha aggiunto: “La prima cosa da fare è conoscere dove sei, con chi hai a che fare: devi valorizzare tutte le persone che hai davanti, perché qualunque persona che lavorerà per te deve sentirsi partecipe, importante nel progetto, e dare qualcosa. Quel qualcosa sarà determinante per raggiungere l’obiettivo finale. Leader si nasce e all’interno dello spogliatoio i leader si riconoscono subito perché nei momenti di difficoltà, durante il confronto, loro sanno portare i messaggi giusti. Tra l’allenatore e il gruppo c’è sempre un collegamento, rappresentato spesso dal leader. Bisogna appoggiarsi ai leader perché sono loro che devono trasmettere messaggi importanti, non solo dentro il campo, ma anche fuori”.

Durante l’evento, Caressa ha coinvolto uno degli ospiti presenti in platea, l’Ad dell’Inter Giuseppe Marotta, che con Mister Allegri ha condiviso anni di grandi successi nella Juventus e a cui è ancora legato da una profonda amicizia. Interpellato dal giornalista sulla responsabilità che hanno le squadre nel gestire la comunicazione all’esterno dei loro leader, attraverso i social, Marotta ha sottolineato che “oggi ci dobbiamo adattare a un sistema innovativo, che ci coinvolge e non riusciamo a frenare, perché fa parte della sfera privata, ma possiamo cercare di far capire che sono strumenti belli ma a volte anche pericolosi”.

A chiudere il ricco programma della giornata, una cena placée, all’aperto, presso le merlate del Castello, da cui gli inviati hanno potuto godere di un’affascinante vista panoramica sulla città di Milano.