Mef, stop allo sciopero dei benzinai del 6 febbraio

ROMA – “Scongiurato lo sciopero nazionale dei gestori di carburanti previsto per il 6 febbraio. Intesa trovata al tavolo convocato al Mef con le sigle sindacali dei gestori carburanti – Faib, Fegica, Figisc/Anisa e Unione Petrolifera – per affrontare la questione del credito d’imposta sui costi delle carte di pagamento”. Lo rendono noto i sottosegretari al Mef Massimo Bitonci e Alessio Villarosa.

“L’accordo, che ha registrato piena ed unanime soddisfazione – spiegano i sottosegretari al Mef in una nota – prevede una tempestiva soluzione tecnica per le criticità dei costi collegati all’utilizzo delle carte di pagamento elettroniche per le transazioni sui carburanti e la prosecuzione del tavolo per discutere delle altre tematiche relative alla filiera della distribuzione di carburante”.

Si tratta, ad esempio, della “trasmissione telematica dei corrispettivi su carburanti, la tassazione sul credito d’imposta e la detraibilità dell’anticipazione finanziaria dell’Iva pagata alle compagnie petrolifere tramite fatturazione elettronica a fine 2018”.