Mps: Franco, “Il controllo del Mef senza limiti non è possibile”

22

MILANO – Il mantenimento del controllo di Mps da parte dello Stato “senza limiti di tempo è uno scenario non ipotizzabile” alla luce della normativa europea. “E’ ragionevole attendersi che solo dopo l’aumento” di capitale e la realizzazione delle “iniziative di miglioramento dell’efficienza si creeranno condizioni più favorevoli per privatizzare” il Monte.

Lo ha detto il ministro dell’economia, Daniele Franco, in audizione di fronte alle commissioni Finanze di Camera e Senato, precisando che è in corso un’ulteriore revisione del piano” e che “la dismissione” di Mps da parte del Tesoro “deve assicurare un futuro importante nel sistema bancario italiano ed europeo”. Franco ha assicurato che il Mef “si farà promotore di soluzioni che in primo luogo mirino a salvaguardare i livelli occupazionali”.