Mutuo al 100%: come e quando si può richiedere

Mutuo casaIn linea generale gli istituti di credito presenti in Italia accordano ai loro clienti dei mutui per l’acquisto della prima casa che ammontano all’80% del costo dell’immobile. Oggi stanno tornando disponibili anche i mutui al 100%, che fino a 10-15 anni fa erano molto più diffusi rispetto ad oggi. Si tratta di opportunità importanti per chi non ha sufficienti fondi per saldare l’acconto del 20% necessario per acquistare casa. È importante considerare le diverse caratteristiche di un mutuo di questo tipo rispetto a quelli all’80%.

Le motivazioni delle banche

Fino ad alcuni anni fa il mutuo per la casa copriva l’intera spesa per l’acquisto dell’immobile. Nel corso del tempo però il mondo immobiliare ha subito immense modifiche. Mentre in passato gli immobili aumentavano il loro valore progressivamente con il passare del tempo, negli ultimi anni si è avuto un vero e proprio crollo di questo valore, che oggi ammonta a cifre molto inferiori rispetto al passato. Il trend per i prossimi anni è abbastanza stabile, quindi se acquisti un immobile oggi, il suo valore tra 5 anni sarà praticamente identico a quello di oggi, se non inferiore. Stiamo parlando di una situazione che potrebbe variare in futuro, ma quando una banca ci concede un prestito il cui periodo di ammortamento durerà 20 o 30 anni non può permettersi di fare considerazioni sul possibile futuro, si deve basare sulla realtà odierna. Quando si richiede un mutuo sull’acquisto della prima casa la banca considera l’immobile come garanzia del prestito. Se ci presta solo l’80% del valore dell’immobile, si mette al riparo dall’eventuale perdita di valore dell’immobile stesso.

Come ottenere un mutuo al 100%

Come dicevamo, alcuni istituti di credito stanno ricominciando ad offrire ai loro clienti anche mutui che coprono il 100% del valore dell’immobile che stanno per acquistare. Si tratta di un’offerta molto interessante per tutti coloro che non hanno fondi sufficienti per raggiungere il 20% del valore dell’immobile, o che preferiscono ottenere una cifra superiore attraverso il muto per avere maggiore “spazio di manovra” in fase di acquisto. Per altro le spese accessorie sono molte, tra cui il notaio, le tasse, eventuali lavori di ristrutturazione e così via. Per questo motivo in varie situazioni un mutuo al 100% può essere la soluzione migliore, soprattutto oggi, visto che i tassi di interesse sono particolarmente bassi. Conviene però considerare che i mutui al 100% godono di condizioni diverse rispetto ai mutui all’80%. Nel primo caso infatti gli interessi sul mutuo possono salire in modo sensibile, fino allo 0,5 o all’1%, o anche di più a seconda dei casi. Oppure la banca può richiedere ulteriori garanzie oltre all’ipoteca sulla casa. Si tratta quindi di una proposta che può essere considerata più o meno interessante a seconda dei casi.

PR