Il National Geographic Festival chiude con il record di 51mila presenze

Il National Geographic Festival chiude con il record di 51mila presenze

Grande successo di pubblico con 51 mila presenze al National Geographic Festival delle Scienze che quest’anno ha esteso la sua durata a sette giorni (dal 16 al 22 aprile)

L’edizione più ampia del National Geographic Festival dunque, è stata premiata dall’affluenza di un pubblico partecipe e attento che ha riempito gli spazi dell’Auditorium Parco della Musica facendo spesso il tutto esaurito.

Il Festival chiude la tredicesima edizione registrando la straordinaria presenza di 18 mila studenti, arrivati all’Auditorium Parco della Musica per esplorare “Le cause delle cose”, tema centrale di quest’anno.

L’evento si è ampliato anche grazie al progetto “Eureka! In biblioteca. Il bello della scienza a portata di mano”. Le 200 attività realizzate dalle 24 biblioteche di 13 municipi di Roma infatti, hanno registrato una grande partecipazione di adulti, giovani e ragazzi per un totale di circa 6000 presenze. A completare il quadro, inoltre, le attività del fine settimana al Bioparco che hanno coinvolto 11 mila visitatori.

A testimoniare il successo del Festival, anche i numeri degli utenti collegati durante le dirette streaming con oltre 50 mila visualizzazioni. Anche sui social: i due hashtag ufficiali #festivaldellescienze e #NGFS hanno totalizzato su Twitter, fino a domenica mattina, più di 1.800 messaggi. Per un reach di più di 30 milioni di visualizzazioni.

L’appuntamento con il National Geographic Festival delle Scienze si rinnova dal 7 al 14 aprile 2019 e torna all’Auditorium Parco della Musica. La nuova edizione celebrerà un doppio anniversario. I 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e i 50 da quando Neil Armstrong calpestò il suolo lunare.