Open Arms, difesa Salvini: ong si rifiutò di fare rotta in Spagna

87

PALERMO – “La nave iberica Open Arms rifiutò di dirigersi in Tunisia, di sbarcare 39 immigrati a Malta, di fare rotta in Spagna (diniego ribadito in due occasioni), non fornì dettagli sullo stato di salute delle singole persone a bordo (domandò di farle sbarcare tutte, ma esclusivamente in Italia)”. Lo si legge in una nota della Lega, a proposito dell’audizione stamani a Palermo, nell’ambito del processo Open Arms, dell’ammiraglio Sergio Liardo che ha risposto all’avvocato Giulia Bongiorno che difende l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini accusato di sequestro di persona e rifiuto d’atti d’ufficio.

Per il Carroccio, la ong spagnola “fece rotta verso la Libia mentendo alle autorità italiane, visto che partì verso Tripoli dopo aver comunicato che si sarebbe fermata a Lampedusa. Avrebbe potuto accogliere a bordo solo 19 persone ma ne caricò più di 150 in tre eventi diversi. Una volta in acque italiane, Open Arms era costantemente controllata, vigilata, assistita. E, una volta in rada, era in condizioni di completa sicurezza. Addirittura vennero consentite la rotazione dell’equipaggio e lo sbarco delle persone realmente in cattivo stato di salute. Di più: sulla barca salirono senza problemi alcune autorità, a partire dal sindaco di Lampedusa, a dimostrazione di un costante monitoraggio”.

“La nave vagò per il Mediterraneo – conclude la nota – ignorando le richieste e le proposte di Madrid e de La Valletta dal 2 al 15 agosto 2019 mettendo a rischio la salute degli immigrati a bordo”.