Persone positive al Covid 19, il Garante della privacy: “Dati personali eccessivi”

pedofilia online

ROMA – Il Garante per la protezione dei dati personali sta ricevendo, in questo periodo, segnalazioni e reclami con i quali viene lamentata, da parte de famigliari, la diffusione sui social e sugli organi di stampa, anche on line, di dati personali eccessivi (nome, cognome, indirizzo di casa, dettagli clinici) riguardanti persone risultate positive al Covid 19.

In una nota, il Garante ha voluto ricordare che “anche in un situazione di emergenza quale quella attuale, in cui l’informazione mostra tutte le sue caratteristiche di servizio indispensabile per la collettività, non possono essere disattese alcune garanzie a tutela della riservatezza e della dignità delle persone colpite da malattia contenute nella normativa vigente e nelle Regole deontologiche relative all’attività giornalistica”.

Conseguentemente ha ritenuto “doveroso richiamare l’attenziome di tutti gli operatori dell’informazione al rispetto del requisito dell’essenzialità delle notizie che vengono fornite, astendosi dal riportare i dati personali dei malati che non rivestono ruoli pubblici, per questi ultimi nella misura in cui la conoscenza della positività assuma rilievo in ragione del ruolo svolto”.