Le prime parole di Carlo Bonomi da Presidente di Confindustria

Il presidente di Assolombardia é stato eletto, in via telematica, grazie a 123 preferenze su 183 aventi diritto, contro 60 di Licia Mattioli

confindustria

MILANO – Il nuovo presidente di Confindustria per il mandato 2020-2024 é Carlo Bonomi, scelto dal Consiglio generale con voto telematico per via dell’emergenza Coronavirus. La nomina dovrà avere il gradimento dell’assemblea privata dagli industriali, convocata per il prossimo 20 maggio, salvo eventuali rinvii legati al Covid-19. Con 123 preferenze su 183 aventi diritto, si é posizionato davanti a Licia Mattioli, che ha ottenuto 60 voti, confermando le previsioni della vigilia.

Ecco il comunicato ufficiale di Confindustria: “Il Consiglio Generale di Confindustria ha designato Presidente Carlo Bonomi con 123 preferenze. Hanno votato tutti i 183 aventi diritto. Alla candidata concorrente Licia Mattioli sono andate 60 preferenze. Nessuna scheda bianca, nessuna nulla.

Il risultato è stato validato dai Probiviri Sergio Arcioni, Luca Businaro, Gabriele Fava e Antonio Serena Monghini assistiti dal notaio Cesare Quaglia.

Il Consiglio generale si è svolto a distanza e alla presenza, nella sede di Confindustria, del Presidente Vincenzo Boccia, della Dg Marcella Panucci e dei due candidati.

La nomina dovrà avere il gradimento dell’assemblea dei delegati, convocata il 20 maggio, che di fatto eleggerà il 31° presidente di Confindustria.

Il 30 aprile il Consiglio Generale dovrà esprimersi sulla squadra dei Vicepresidenti scelta dal presidente designato”.

Nato a Crema il 2 agosto del 1966, già presidente di Assolombarda, l’associazione delle imprese che operano nella città metropolitana di Milano e nelle province di Lodi, Monza e Brianza, Bonomi  é un imprenditore nel settore bio-medicale.

Appena eletto, come riporta “Il sole 24 ore”, il neo presidente ha sottolineato come il momento sia difficile e occorra mettersi immediatamente in condizioni operative tali per affrontare con massima chiarezza la sfida a cui si é stati chiamati, continuando a portare la posizione di Confindustria su tutti i tavoli necessari rispetto ad una classe politica che, a suo parere, é molto smarrita. Per Bonomi é necessario riaprire subito le attività produttive perché il PIL é crollato ma occorrerà attenzione per evitare la seconda ondata di contagio. Crede che la strada percorsa dal Governo non sia quella più giusta perché  la liquidità non é immediata porta all’indebitamento delle imprese.

Perfettamente d’accordo su questa linea il presidente uscente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che ha sottolineato come sia importante lavorare tutti uniti per la ricostruzione del Paese.

Congratulationi per il conferimento del nuovo incarico sono già arrivate dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi;  dal Governatore di Regione Lombardia, Attilio Fontana;  dal vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia, Mara Carfagna;  dal presidente dell’Associazione industriale bresciana, Giuseppe Pasini; dal presidente di Unindustria, Filippo Tortoriello,

Il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, appena appresa la notizia dell’elezione, ha dichiarato: “Congratulazioni a Carlo Bonomi per la designazione a prossimo presidente di Confindustria. In un momento storico particolarmente difficile, le imprese sono chiamate a una responsabilità ancora maggiore. Il ruolo delle associazioni sarà fondamentale per far ripartire il Paese, superata la pandemia.Su questa linea, Confagricoltura intende continuare il proficuo dialogo instaurato nel corso degli anni con Confindustria, rafforzando le  sinergie per uscire prima possibile dalla crisi”.