Quote rosa nel settore assicurativo: nel Gruppo CF il 60% dei dipendenti è donna

25

MILANO – Qual è il ruolo della donna nel settore assicurativo? In occasione della Giornata della Donna, il Gruppo CF, di cui Tecnocasa è azionista di maggioranza, ha analizzato il comparto con una “lente rosa” che offre una chiave di lettura diversa di alcuni dati interessanti.

Il settore assicurativo nazionale, secondo i dati ANIA, dà occupazione a quasi 50.000 dipendenti. Tenendo conto anche dei collaboratori, occupa circa 300.000 persone, di cui circa 220.000 appartenenti alle reti distributive. In particolare, le risorse umane che lavorano per le compagnie di assicurazione, sono quelle con la percentuale più elevata di contratti a tempo indeterminato rispetto a tutti gli altri settori. Con un focus sui quasi 50.000 dipendenti si rileva che il 53% è costituito da uomini e il 47% da donne, registrando una quasi sostanziale parità di sesso, che tuttavia non sempre coincide con le medesime opportunità di carriera.

“Il Gruppo CF investe nel capitale umano senza differenze di genere nella convinzione che tutti, donne e uomini, svolgano un ruolo fondamentale nel Gruppo e nella società – dichiara Daniela Testa, Responsabile HR CF Assicurazioni – e il mio percorso professionale ne è la testimonianza. Credo che sostenere la leadership femminile significhi anche far confluire in azienda caratteristiche quali socialità, predisposizione all’ascolto, multitasking, empatia, che rappresentano dei plus importanti nell’ottica della qualità dell’ambiente di lavoro e della produttività in generale”.

“Siamo consapevoli che in Italia, rispetto ad altri Paesi europei, la strada da percorrere è ancora lunga sul tema “Parità di genere”, voce che non a caso è stata inserita tra i 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030 – afferma Mauro Rocchi, Amministratore Delegato CF Assicurazioni – ma siamo altrettanto convinti che ciascuna impresa possa e debba valorizzare il capitale umano e le singole professionalità al di là delle differenze di genere. Nel Gruppo CF le nostre quote rosa sono pari al 60% dei dipendenti e ricoprono anche ruoli di responsabilità. Tale componente, di cui siamo orgogliosi, ci consente di scattare una fotografia diversa dello stesso orizzonte e cogliere opportunità nuove e sfidanti”.

“Ci impegniamo costantemente nel creare una cultura inclusiva – conclude Rocchi – e crediamo nella reale e fattiva collaborazione di un team costituito da donne e uomini che vengono valorizzati sia singolarmente sia all’interno del percorso professionale, accogliendo le “diversità” che diventano innovazione e valore aggiunto all’interno e all’esterno della nostra azienda”.