Regionali Lombardia, sondaggio Winpoll: Moratti batte Fontana anche con il centrosinistra

25

MILANO – Letizia Moratti pigliatutto in caso di sua candidatura alle regionali lombarde del prossimo anno. La vicepresidente, che ieri ha sentito Giorgia Meloni – in campo da settimane con gli strali della Lega che vuole la conferma di Attilio Fontana – batterebbe il governatore uscente, appoggiato da Lega, Fdi e Fi, con oltre 12 punti di vantaggio (47,8% a 35,3%) anche nel caso si presentasse appoggiata da terzo polo, dalla sua lista civica (quotata all’11,8%) e dal Pd. E’ l’esito clamoroso di un sondaggio con interviste telefoniche (Cati – Cami) realizzato su un campione rappresentativo di 1.700 elettori lombardi (5.828 chiamate, 4.128 rifiuti) realizzato da Winpoll tra il 7 e il 13 ottobre scorsi. Moratti, sostenuta dal centrodestra in uno schema classico, batterebbe sia Carlo Cottarelli che Beppe Sala se si presentassero con Pd e sinistra.

Contro l’economista neo parlamentare Moratti salirebbe al 49,7% (Cottarelli fermo al 34,4%); contro il sindaco di Milano il divario si amplia, con Moratti al 50,5% e Sala al 31,7%. Negativo in generale il giudizio sul governatore uscente, che si ferma al 47% del gradimento e con ben il 69% del campione che non lo vorrebbe ricandidato (il 33%, dunque uno su tre, per come ha gestito l’emergenza Covid). Fontana supera il 50% di gradimento (51%) solo nelle fasce d’età dai 45 ai 65 anni e tra gli over 65. Male tra i giovani under 30, dove si ferma al 39% di gradimento. La punta negativa di apprezzamento per Fontana è tra diplomati (43%) e laureati (47%), molto meglio tra chi non ha nessun titolo di studio (50%) e scuola media (59%).

Male a Milano (35%), bene nel Nord ovest della regione, dove tocca il 58%.Anche come livello di fiducia dei lombardi Fontana si ferma al 44% (51% solo tra chi ha un diploma di scuola media e risiede nel nord ovest) mentre Moratti totalizza un 57%, ed è sempre sopra il 50% per classi d’età, titolo di studio o residenza, con una punta del 64% di fiducia nelle persone sopra i 45 anni. Entrambi sono conosciuti dal 99% del campione. Carlo Cottarelli gode della fiducia del 59% del campione, ma è meno conosciuto di Fontana e Moratti, fermandosi all’84%. La fiducia in Sala è al 55% con un livello di conoscenza degli intervistati del 94%.Le intenzioni di voto ai partiti confermano il primato raggiunto da Fratelli d’Italia anche in Lombardia col 23,7%. Il Pd segue col 20,1%, lista Moratti 11,8%, sopra la Lega al 11,5%. Forza Italia 7%, Azione-Iv 6,5%, M5s 5,9%, sinistra e Verdi 4,1%, +Europa 3,2%, Unione popolare 0,7%.