Rosario dalla Chiesa Santa Maria di Loreto: ecco dove seguirlo

rosario pesaro

Mercoledì prossimo, 29 luglio alle ore 21 su Tv2000, InBlu Radio e Facebook un nuovo appuntamento con la preghiera

ROMA – ‘Prega con noi’ Tv2000 e InBlu Radio invitano i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi, mercoledì 29 luglio, alle 21, per recitare insieme il Rosario che verrà trasmesso da Tv2000 (canale 28 e 157 Sky), InBlu Radio, e su Facebook. La preghiera andrà in onda dalla Chiesa Santa Maria di Loreto in Pesaro e sarà presieduta dall’Arcivescovo di Pesaro, mons. Piero Coccia.

ALLA SCOPERTA DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DI LORETO A PESARO

La prima chiesa parrocchiale di tale denominazione era posta fuori di Porta “Fanestra” a circa un quarto di miglio dall’abitato cittadino, sulla strada che conduce a Fano e all’angolo con la via che conduce alla Basilica dei Santi Decenzio e Germano. Questa chiesa, detta di S. Lazzaro, era collegata all’opedale dei lebbrosi retto dall’Ordine religioso dei Cavalieri di S. Lazzaro. Quando la lebbra fu sconfitta, l’ospedale servì per alloggiare i poveri che giungevano di notte e non potevano avere accesso alla città.

Il territorio era sotto la “cura” del Duomo; ma, poiché il parroco della Cattedrale non poteva assistere convenientemente tutti i fedeli, e per i molti che risiedevano in città, e per le porte cittadine serrate durante la notte, fu giudicato necessario trasferire parte del beneficio della chiesa di San Martino, ubicata entro le mura cittadine nei pressi della Porta Fanestra, ad una nuova parrocchia fuori le mura; cosa che fu sancita il 5 maggio 1704 con bolla di Clemente XI e posta in atto dal Vescovo Filippo Spada nel 1708. Eretta così la parrocchia di Santa Maria di Loreto, i fedeli di San Martino fuori le mura furono assegnati a questa, quelli entro le mura alla Cattedrale. Il Capitolo si riservò il diritto di riscuoterne la decima, mentre gli incerti furono destinati al parroco di Santa Maria di Loreto. Verso la fine del ‘700, vennero effettuati lavori di ammodernamento e di ristrutturazione sia alla chiesa che alla casa parrocchiale, sede della confraternita del SS.mo Sacramento, fondata nel 1710 dal medesimo Vescovo Spada.

L’incremento demografico rese la chiesa insufficiente a contenere la partecipazione dei fedeli alle sacre celebrazioni e già nel 1935 il parroco don Cesare Bruscolini propose la costruzione di un nuovo edificio sacro. Ciò fu possibile solo nel dopoguerra e, per volontà del Vescovo Borromeo, fu eretta su disegno e sotto la direzione dell’ingegnere Mariotti, una nuova ed ampia chiesa parrocchiale – consacrata il 5 dicembre 1956 – con annessa la casa canonica e un ampio asilo infantile retto dalle Suore Missionarie Zelatrici del S. Cuore.

Al posto della vecchia chiesa sorge il cinema parrocchiale, e la ex-abitazione del parroco è stata ristrutturata e data in uso alle associazioni cattoliche. All’interno della nuova chiesa si ammira un affresco raffigurante il Battesimo di Gesù del pittore pesarese Werter Bettini e, sulla sinistra, si conserva, in proporzioni ridotte, un “facsimile” ligneo, risalente al ‘600, della Santa Casa di Loreto che il 10 dicembre, per la festa della traslazione della Santa Casa, veniva processionalmente portato in Cattedrale con grande concorso di popolo e poi ricondotto nella propria sede.