Smart working: circolare subito in vigore, massima flessibilità nel pubblico e nel privato

62

smartworkingROMA – “Sullo smart working abbiamo preso una decisione straordinaria. Mondo del lavoro pubblico e mondo del lavoro privato adotteranno tutti gli schemi di lavoro agile, di lavoro a distanza, già presenti all’interno delle loro regolazioni contrattuali e normative. Il privato utilizzerà il massimo della flessibilità per garantire sicurezza e servizi e per abbassare la curva del contagio. La stessa cosa farà il lavoro pubblico”. Questa la dichiarazione del ministro della pubblica amministrazione Brunetta al termine del Consiglio dei ministri. “La circolare firmata da me e dal ministro Orlando – aggiunge Brunetta – è immediatamente in vigore per mettere insieme il massimo di efficienza dei servizi alle famiglie e alle imprese con il massimo della sicurezza, e con il contributo a controllare l’evoluzione della curva pandemica”.

L’obiettivo della circolare, spiega Brunetta, è di “sensibilizzare le amministrazioni pubbliche e i datori di lavoro privati a usare pienamente gli strumenti di flessibilità che le discipline di settore già consentono sul ricorso allo smart working. Una grande prova di responsabilità condivisa che vede l’intero mondo del lavoro unito per organizzare lo smart working in maniera intelligente e flessibile, nell’ambito delle regole vigenti e sulla base delle effettive necessità, coniugando la piena operatività dei servizi pubblici e delle attività economiche con la massima sicurezza dei lavoratori e degli utenti”.