Sospensione concessioni commerciali alla Cambogia, il commento di Confagricoltura

riso

ROMA – In seguito alle sollecitazioni di Confagricoltura, che nei giorni scorsi aveva rimarcato la necessità che la sospensione delle concessioni commerciali concesse dall’Unione europea alla Cambogia riguardasse anche il riso, il ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio ha risposto al presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti.

Nella risposta il ministro assicura di aver contestato, d’intesa con il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, la mancata introduzione del riso nell’elenco dei prodotti e di avere formalmente chiesto alla Commissione europea di modificare in tal senso la copertura della sospensione tariffaria. Una posizione, come il ministro tiene a precisare, verrà ribadita a tutti i livelli nei passaggi procedurali successivi all’iter di adozione del provvedimento.

Confagricoltura evidenzia che la sospensione delle concessioni tariffarie a favore della Cambogia a seguito dell’accertamento, in linea con quanto già riscontrato dall’ONU, di ripetute violazioni dei diritti umani, civili e del lavoro, secondo la bozza messa a punto dai servizi della Commissione Ue, non riguarderebbe il riso a causa della clausola di salvaguardia già in vigore sul riso lavorato Indica in arrivo dalla Cambogia.

“La clausola di salvaguardia – ha evidenziato Giansanti – ha motivazioni del tutto diverse. É stata, infatti, introdotta per frenare un flusso crescente di importazioni che ha destabilizzato il mercato risicolo della Ue, a danno in primo luogo dell’Italia, primo Paese produttore in ambito europeo. La Cambogia resta comunque il primo fornitore di riso dell’Unione”.

Confagricoltura ricorda che la decisione della Commissione europea sarà formalizzata il prossimo 12 febbraio e passerà quindi al vaglio del Parlamento europeo e del Consiglio.