Ucraina: Calenda, “Draghi ha sbagliato a dire che la vuole in Ue”

33

ROMA – Draghi “ha sbagliato” a dire che l’Italia farà la sua parte per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea. Lo dice Carlo Calenda, leader di Azione, a ‘Mattino Cinque’ su Canale 5.

“Ha sbagliato – argomenta Calenda – per due ordini di ragioni. Primo l’Ucraina non ha nessuna delle condizioni necessarie ad entrare nel processo di ammissione in Unione europea. Poi, se continuiamo ad allargare l’Unione europea, non costruiremo mai un’Unione più coesa. Lo abbiamo visto con l’allargamento ai paesi dell’Est, che è stato un clamoroso errore. Tanto che prima della guerra in Ucraina stavamo intervenendo contro la Polonia che non rispettava lo stato di diritto, prendendosi tra l’altro tutte le imprese italiane”.

“Far entrare l’Ucraina in Ue sarebbe un errore in tempi normali – dice ancora Calenda – A maggior ragione mentre c’è un conflitto, vorrebbe dire porre le basi per una guerra diretta con la Russia. Draghi ha sbagliato, io sono nettamente contrario all’ingresso dell’Ucraina nell’Ue e nella Nato”.