Ucraina, Johnson: da Mosca “segnali discordanti” sull’invasione

43

boris johnsonLONDRA – La Russia non ha abbandonato i piani per un’eventuale invasione dell’Ucraina, pur essendo “aperta” al dialogo: lo ha dichiarato il premier britannico, Boris Johnson. “Assistiamo ad una apertura russa al dialogo. D’altra parte, l’intelligence in campo non è ancora incoraggiante. Abbiamo ospedali da campo russi costruiti vicino al confine con l’Ucraina in Bielorussia per quella che può essere interpretata solo come una preparazione per un’invasione”.

Poi ha aggiunto: “Ci sono più gruppi tattici di battaglioni che vengono effettivamente portati più vicino al confine con l’Ucraina, secondo l’intelligence che stiamo vedendo. Segnali contrastanti, credo, al momento, e una ragione in più, quindi, per rimanere molto duri e molto uniti e in particolare sulle sanzioni economiche”.

E ha concluso: “Questo significa ritirare i gruppi tattici dei battaglioni da un potenziale teatro di conflitto, non costruire ospedali da campo al confine con la Bielorussia e tra la Bielorussia e l’Ucraina, nel senso che le cose siano ridimensionate, che la minaccia sia finita e che si inizi una conversazione e un negoziato. Pensiamo che ci sia una strada per la diplomazia, abbiamo visto alcuni segnali positivi”.