Ucraina, Salvini: “Preoccupa la facilità con cui si parla di guerra”

42

ROMA – “Sto e stiamo facendo di tutto, anch’io sto personalmente facendo una serie di incontri ad alto livello, ormai lo faccio in silenzio, mettendoci la mia piccola pietra per provare a fermare le armi”. Lo ha detto Matteo Salvini intervenendo ai lavori della scuola di formazione politica della Lega.

“Perché in questo momento – ha spiegato il segretario leghista – le ragioni, la geopolitica, i movimenti, il petrolio, le terre rare, i materiali, i flussi finanziari le alleanze strategiche, i riposizionamenti militari, gli avanzamenti della Nato, tutte cose fondamentali da capire… però quando c’è una guerra che uccide donne e bambini la priorità è fare di tutto per fermare la guerra. Un politico responsabile prima dovrebbe avere a monte ‘quello che sto per fare e dire allontana o avvicina la pace?’. Quello che allontana la pace è da irresponsabili”.

Salvini si è detto “preoccupato per la facilità con cui qualche mio collega politico o giornalista parla di guerra. Sono convinto che occorra non dimostrarsi cedevoli, arrendevoli, impauriti, fuggiaschi o traditori ma occorra la forza del ragionamento, del dialogo e del confronto, delle ragioni, è questa la priorità”, ha concluso.