Uso di applicazioni per smartphone in sostituzione dell’autocertificazione cartacea, le precisazioni della Polpost

ROMA – La Polizia postale precisa che l’uso di applicazioni per smartphone in sostituzione dell’autocertificazione cartacea, per coloro che escono da casa, si pone in contrasto con le prescrizioni attualmente vigenti. Il modulo deve infatti essere firmato sia dal cittadino che dall’operatore, previa identificazione del dichiarante, per poi essere acquisita in originale per le successive verifiche.

Inoltre il ricorso a servizi online non ufficiali e non autorizzati da Autorità pubbliche espone al rischio di rivelazione ed acquisizione dei propri dati sensibili. La dichiarazione può essere stampata preventivamente e pre compilata. Le pattuglie hanno comunque i moduli a disposizione.