Voto Gran Bretagna, la prima sfida premia Boris Johnson

26

boris johnsonLONDRA – Boris Johnson esulta per i primi risultati del voto di ieri in Gran Bretagna, con la trionfale vittoria Tory nelle suppletive dello storico collegio laburista inglese di Hartlepool (unico seggio nazionale in palio alla Camera dei Comuni), ma anche per l’avanzata complessiva in Inghilterra del suo partito dopo lo spoglio di 20 consigli locali su 143. Sono dati “molto incoraggianti” per noi, ha commentato il premier: “le nostre priorità di governo, sul rilancio del dopo pandemia, sono le priorità della gente”. Caos invece nel Labour, dove si parla di disfatta e la sinistra interna rimette in discussione la leadership di Keir Starmer.

Il suo Partito Conservatore ha infatti strappato dopo 57 anni il collegio di Hartlepool (nell’ex ‘muro rosso’ del nord Inghilterra) al Labour, che ha appena riconosciuto la batosta, eleggendo deputata Jill Mortimer alla Camera dei Comuni nell’unico voto suppletivo nazionale. Quanto alle amministrative, assegnati finora seggi in una dozzina di consigli locali inglesi su 143, mentre s’attende entro domani l’esito del cruciale voto di Scozia e Galles e per il sindaco di Londra. La proclamazione di Mortimer è attesa a minuti, ma il ministro ombra laburista dei Trasporti, Jim McMahon, ha già ammesso la sconfitta, che si profila netta e umiliante in un territorio considerato blindato per i laburisti da mezzo secolo. E intanto i conservatori locali hanno innalzato davanti agli uffici elettorali di Hartlepool un grande pupazzo gonfiabile raffigurante Boris Johnson, con i pollici all’insù in segno di vittoria.

Una vittoria “davvero storica” l’ha definita Jill Mortimer, la conservatrice appena eletta nella circoscrizione di Hartlepool. “Sono immensamente orgogliosa di essere la prima parlamentare Tory eletta ad Hartlepool da 57 anni”, ha detto parlando dopo il primo clamoroso risultato di questa importante tornata elettorale nel Regno Unito. “non solo – ha aggiunto – sono la prima donna mai eletta parlamentare in questa città. è davvero un risultato storico”. Quindi ha concluso: “Il Labour ha dato per scontate le persone di Hartlepool per troppo tempo. L’ho sentito ripetere infinite volte e la gente ne ha abbastanza. Con questo risultato, adesso, il popolo ha parlato e ha detto chiaramente che è tempo di cambiamento”.

Negativi per il Labour anche i primissimi risultati amministrativi di alcuni consigli locali inglesi, dove al momento risultano assegnati oltre un centinaio di seggi di consigliere al maggiore partito britannico d’opposizione e poco meno al partito del premier: ma con il primo in calo e il secondo in ascesa come conferma la conquista Tory dei consigli di Redditch e di Nuneaton & Bedworth, nelle Midlands, e di quello di Harlow, nell’Essex, pure sottratto al Labour che conferma inoltri pesanti perdite un po’ in tutto il nord-est post-industriale. “Gli elettori non sono tornati a credere ancora in noi”, ha commentato un’altra fonte laburista, cercando di scaricare almeno in parte la responsabilità di questo scenario negativo iniziale sull’eredità dell’ex leader radicale Jeremy Corbyn (uscito di scena dopo la disfatta alle politiche di fine 2019) e di esonerare invece l’attuale leader, il più moderato ma grigio Keir Starmer.