Zeman: “Alle ultime elezioni ho votato per i Cinquestelle, ma mi hanno deluso”

ROMA – “Alle ultime elezioni ho votato per i Cinquestelle, le poche cose che sono state fatte negli ultimi due anni le hanno fatte loro. Ora però sono deluso perché si fanno mettere un po’ i piedi in testa, prima da Salvini e ora dal Pd, un po’ da tutti. Avevano più voti di tutti ma non riuscivano a fare quel che volevano, ogni proposta veniva bocciata”. A parlare è Zdenek Zeman, l’allenatore boemo ex di Roma e Lazio, che oggi è stato ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, la trasmissione di Rai Radio1 condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

Preferiva l’alleanza 5S con la Lega o quella, attuale, con il Pd? “Per me l’alleanza non andava fatta con nessuno, dovevano andare da soli. E se non avevano i numeri non andavano al governo”. A proposito di 5S: Alessandro Di Battista è un suo grande estimatore. “Abbiamo mangiato insieme tre volte, lui grande laziale mi venne a trovare a Pescara. E’ simpatico e capisce di calcio, quindi abbiamo un argomento di cui parlare”.

Azzardiamo un confronto politico calcistico: meglio Giuseppe Conte o Antonio Conte? “Antonio ha fatto di più di Giuseppe, però la politica è troppo difficile per gente normale”. Che giocatore le fa venire in mente il premier? “Si muove tanto per spostamenti ma non è molto attivo. Potrebbe essere un mediano, uno che si muove poco – ha proseguito Zeman – come Pjanic della Juventus”.

Le piace, comunque, il presidente del Consiglio? “Dipende dai risultati che si portano a casa. Ora l’Italia sta andando male, quindi non sta facendo molto bene”. Non solo per colpa di Conte. “Come non è colpa della Raggi se ci sono le buche a Roma. Mi dà fastidio che tutto quel che succede nella Capitale la colpa sia data sempre a lei: ci saranno anche assessori e responsabili, di cui però non si parla”.