Acquirenti e venditori case: aumenta la componente investimento, si vende per reperire liquidità

MILANO – L’analisi delle compravendite realizzate nel primo semestre del 2018 dalle agenzie Tecnocasa e Tecnorete evidenzia che il 77,0% ha riguardato l’abitazione principale, il 17,9% la casa ad uso investimento e il 5,1% la casa vacanza. Prendendo in considerazione solo la componente di acquisti per investimento negli ultimi 5 anni la percentuale è costantemente aumentata, si passa infatti dal 16,3% del 2014 all’attuale 17,9%.

Nel 56,2% dei casi a comprare l’abitazione sono persone con un’età compresa tra 18 e 44 anni, si registra poi un 22,2% di acquirenti tra 45 e 54 anni e percentuali in diminuzione al crescere delle fasce di età.

Ad acquistare casa attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa sono state soprattutto coppie e coppie con figli che compongono il 72,0% del campione, mentre è più bassa la quota di acquirenti single che si attesta sul 28,0%.
Analizzando le compravendite dal lato del venditore, nel primo semestre del 2018 la maggior parte delle persone ha venduto per reperire liquidità (55,9%), seguiti da coloro che hanno venduto per migliorare la qualità abitativa (32,9%) ed infine da chi si è trasferito in un altro quartiere oppure in un’altra città (11,2%).

Rispetto al primo semestre del 2017 aumentano leggermente le percentuali di coloro che vendono per reperire liquidità (si passa infatti dal 55,5% all’attuale 55,9%) e di coloro che vendono per migliorare la propria qualità abitativa (si passa dal 32,4% all’attuale 32,9%).