Angelo Duro, nuove date per lo spettacolo “Perché mi stai guardando”: ecco dove e quando

PALERMO – Nuove date per Angelo Duro e il suo spettacolo “Perché mi stai guardando“, un one-man-show con il quale l’ex Iena fa ridere, riflettere e forse un poco ci cambia.

Angelo racconta la storia di come, da “bravo bambino” qual era, ha dovuto reagire alle fregature e alle ingiustizie della vita scegliendo di diventar “cattivo”. Come nella migliore tradizione degli standupper americani, Angelo ci divertirà e ci farà anche riflettere analizzando a suo modo la realtà di ieri e di oggi, l’uomo e la donna, gli animali e la natura, il presente, il futuro ed infine i tanti e troppi stereotipi che ci condizionano inconsapevolmente. Qui di seguito le nuove tappe:

BERGAMO, 09 Novembre – Teatro Creberg.
TORINO, 16 Novembre – Teatro Colosseo.
CESENA, 15 Dicembre – Teatro Nuovo Carisport.
LUGANO, 10 Febbraio – Palazzo dei congressi.
BRESCIA, 15 Febbraio – Gran Teatro Morato.
PADOVA, 16 Febbraio – Gran Teatro Geox.
ROMA, 21 Febbraio – Teatro Brancaccio.
MESTRE, 23 Febbraio – Teatro Corso.
BUSTO ARSIZIO, 8 Marzo – Teatro Sociale.
CATANIA, 22 Marzo – Teatro Metropolitan.
FIRENZE, 28 Marzo – Teatro Puccini.
TRENTO, 12 Aprile – Auditorium Santa Chiara.
BOLOGNA, 13 Aprile – Teatro Celebrazioni.
BELLUNO, 14 Aprile – Teatro Comunale.
MILANO, 17 Aprile – Teatro Manzoni.
MODENA, 02 Maggio – Teatro Michelangelo.
ASTI, 04 Maggio – Teatro Palco 19.

Biglietti su: www.angeloduro.it

Palermitano purosangue, romano per adozione, Angelo Duro è un “comico” atipico: iperrealista, cinico e controverso, ma con il cuore di un Robin-Hood contemporaneo. Da mesi entra nei nostri pc e nei nostri smartphone colpendoci con i suoi seguitissimi video su internet, in cui dice quello che pensa e pensa quello che dice mostrandoci la realtà come nessuno oggi forse ha il coraggio di fare. Un nuovo punto di vista con cui tratta anche argomenti scottanti come l’omofobia e il razzismo, la disoccupazione e il sesso, ma anche temi fondamentali come la scuola e la famiglia, ma sempre con leggerezza che lo contraddistingue, consapevole di colpire nel segno con la precisione di un cecchino, alternando sapientemente un pugno ed una risata, a fine spettacolo lo spettatore esce dal teatro assai divertito, ma tramortito e pensante.

E’ conosciuto ai più per la grande notorietà che ha ottenuto nel programma televisivo “Le Iene” su Italia 1, dove con “Nuccio-Vip” prima, e con “il Rissoso” e “I sogni di Angelo” poi, riusciva a ottenere i picchi di audience in ogni puntata.

In seguito si è affacciato anche al cinema, nel film “Tiramisù” con Fabio De Luigi. Angelo è divenuto in pochi anni una delle più influenti personalità sui social network dove un esercito di oltre 1 milione e 600 mila follower lo segue con simpatia ed affetto, ai quali si aggiungono i quasi 100 mila su Instagram. I suoi video su Facebook raggiungono milioni di persone e contano milioni di visualizzazioni e centinaia di migliaia sono i commenti e i like, a testimoniare che sono in molti a pensarla come lui su tanti argomenti e che approvano il suo modo di vedere la vita, chissà forse, un po’ per gioco ed un po’ sul serio, è in atto una “rivoluzione” nel modo di fare intrattenimento in Italia ed Angelo ne è il primo imputato. Vedremo quindi se il nostro “antieroe” riuscirà a sorprenderci anche dal vivo con il suo spettacolo scritto interamente da lui.