Attentato Milano, parla Ousseynou Sy: “Volevo un impatto internazionale”

MILANO – Ousseynou Sy (nella foto), l’autista che due giorni fa ha sequestrato un bus con 51 a bordo e gli ha dato fuoco, voleva fare “un’azione dimostrativa” e avere addirittura “non un impatto nazionale ma un massimo impatto internazionale”.

Lo ha riferito il suo legale, Davide Lacchini, al termine dell’interrogatorio spiegando che l’uomo davanti al gip “ha lodato la politica italiana sulle migrazioni” e che il suo messaggio era “nessuno dall’Africa deve venire in Europa”.

Sempre secondo il suo avvocato, Ousseynou Sy ha mostrato “evidenti segni di squilibrio” durante l’interrogatorio in carcere e ha fatto anche alcune “invocazioni”.