Bankitalia: aumentano i divari di ricchezza, colpita la classe media

15

ROMA – La Banca d’Italia rivede la metodologia dell’indagine sulle famiglie italiane, coprendo in maniera più efficace i redditi alti, e aumentano così i divari di ricchezza. La classe media, a causa del calo del valore delle case, ne esce penalizzata e le famiglie più povere invece aumentano leggermente la loro condizione. Nel periodo 2016-2020 (alle soglie del Covid), la ricchezza netta media è aumentata dell’1,7% principalmente grazie alla componente finanziaria, grazie alla crescita del risparmio e all’aumento del valore.

L’indice di Gini (che misura le diseguaglianze) della ricchezza netta familiare è cresciuto di 3 punti. Il calo dei prezzi delle case, che dura da diversi anni ha tagliato la ricchezza delle classi medie in Italia nel periodo 2016-2020, mentre le famiglie più povere hanno migliorato la loro condizioni, a volte indebitandosi per acquistare casa. L’82% del patrimonio lordo del totale delle famiglie è costituito da attività reali come gli immobili (-6,9% il loro valore fra 2016 e 2020), aziende o oggetti di valore.