Brunetta: “Nei concorsi va messo al centro il merito”

34

ROMA – “Nei concorsi va messo al centro il merito, la formazione e la qualità e non sempre è stato così. I concorsi sono stati sempre troppo lunghi in Italia, con una durata media di 4-5 anni. Faremo concorsi semplificati, tutto in 100 giorni. Così si potranno fare 2-3 concorsi l’anno con posizioni certe”.

Lo ha affermato il ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ospite de “Il caffè della domenica” con Maria Latella su Radio 24 per parlare di riforma della Pa, Pnrr, reclutamento e semplificazioni. “Non ce l’ho con i giovani, ma con la cattiva classe politica e la cattiva classe sindacale. I nostri giovani sono vittime di clientele e messaggi culturali sbagliati. No a queste derive”, ha poi spiegato Brunetta su Twitter.