Burkina Faso, attentato in una chiesa cattolica, 6 morti

militari

Una strage di cristiani nel corso della funzione mattutina, incendiati negozi e un ambulatorio, le persone in preda al panico, il sindaco: “è una città fantasma

DABLO (BURKINA FASO) ‒ Un commando di uomini armati ha fatto irruzione nella Chiesa di Beato Isidore Bakanja durante la funzione della domenica mattina e ha aperto il fuoco sui fedeli. È accaduto a Dablo, nel nord del Burkina Faso.

Sono rimasti uccisi cinque fedeli e il prete 34enne Abbé Siméon Yampa, che secondo fonti locali era il principale obiettivo dell’attentato in ragione del suo tentativo di promuovere il dialogo interreligioso.

Il commando era composto di più di venti uomini. Dopo la strage, i terroristi hanno dato fuoco alla Chiesa e ad alcuni negozi per poi dirigersi verso una struttura sanitaria locale, che hanno saccheggiato.

C’è un’atmosfera di panico nella città” ha affermato il sindaco di Dablo Ousmane Zongo ”le persone sono rintanate nelle loro case, si è interrotta ogni attività, i negozi sono chiusi. È praticamente una città fantasma”.

Si tratta del terzo attacco a luoghi di culto in Burkina Faso nelle ultime settimane: gruppi militari affiliati agli jihadisti stanno divenendo sempre più attivi nel Paese.

A cura di Barbara Miladinovic