Concorso sulla scuola, Fioramonti: “Perché non si riesce a prendere decisioni ragionevoli?”

ROMA – “Il Governo che dice a tutti di “restare a casa” ma poi obbliga quasi 100mila insegnanti precari e valutatori a spostarsi su tutto il territorio nazionale per il concorso straordinario, che avrà luogo domani. Ma perché non si riesce a dare un messaggio coerente e prendere decisioni ragionevoli?”.

Lo afferma, sulla sua pagina Facebook, l’ex ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti (foto) in riferimento al concorsone sulla scuola.