Conte attacca Draghi: “Grave che un premier tecnico si intrometta nella vita del M5S”

20

ROMA – Il presidente del M5s Giuseppe Conte si è detto “sconcertato” riguardo alcune indiscrezioni di stampa su una richiesta del premier Mario Draghi a Beppe Grillo di rimuoverlo dal ruolo di leader dei pentastellati. “Vorrei precisare che Grillo mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire che siamo una comunità, lavoriamo insieme. Lo trovo sinceramente grave che un premier tecnico, che ha avuto da noi sin dall’inizio investitura, si intrometta nella vita di forze politiche che lo sostengono”, ha detto Conte.

E ha poi aggiunto: “Noi sin qui abbiamo sempre sostenuto e continuiamo a sostenerlo con lealtà, correttezza, non nascondendo i passaggi difficili per noi, che ci procurano sofferenza. Sono rimasto sinceramente sconcertato… Di fronte alla nostra lealtà e correttezza abbiamo sempre spinto il governo ad essere protagonista in Italia e in Europa. Non immaginavamo che ci fossero anche questo tipo di telefonate”.

“Prendiamo atto che attaccano me per distruggere il Movimento. Ma il nostro atteggiamento nei confronti del governo, che ho sempre definito leale costruttivo e corretto, non cambia neanche di fronte a episodi così gravi. Perché il nostro obiettivo non è sostenere Draghi ma tutelare gli interessi degli italiani”, ha infine affermato Conte.