Coronavirus in Italia, bollettino del giorno 4 ottobre 2020: +2.578 nuovi casi

coronavirus italia domenica

Il bollettino del 3 ottobre 2020 parlava di 2.578  nuovi casi 3.287 ricoverati, 303 quelli in terapia intensiva; 18 decessi

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, domenica 4 ottobre andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile, che saranno preceduti a tutti gli aggiornamenti della giornata.

DATI COVID-19 IN ITALIA IL 3 OTTOBRE

Il bollettino del 3 ottobre 2020 parlava di 2.844  nuovi casi 3.205 ricoverati, 297 quelli in terapia intensiva; 27 decessi.

I NUMERI REGIONE PER REGIONE

Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, le persone positive nelle Regioni erano: 9.162 in Lombardia, 7.725 nel Lazio, 7.042 in Campania, 4.790 in Emilia Romagna, 4.112 in Veneto, 3.790 in Toscana, 3.277 in Piemonte, 3.171 in Sicilia, 2.761 in Puglia, 2.186 in Sardegna,1.860 in Liguria, 962 in Abruzzo, 896 nelle Marche, 828,  in Friuli Venezia Giulia, 634 in Umbria, 604 a Bolzano, 618 a Trento, 558 in Calabria, 387 in Basilicata, 128 in Molise, 75 in Valle d’Aosta.

MASCHERINA OBBLIGATORIA NELLE MARCHE E IN PUGLIA

Un’ordinanza firmata dal presidente dlela Regione Marche Francesco Acquaroli stabilisce l’obbligo dela mascherina all’aperto su tutto il territorio di competenza, con conseguente sanzione amministrativa di 400 euro per chi non lo rispetterà, in caso di assembramento. Lo stabilisce “É fatto obbligo durante l’intera giornata, -si legge – sull’intero territorio regionale di usare protezioni individuali delle vie respiratorie (mascherine) anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) in caso di formazione di assembramenti”.

Obbligo di indossare la mascherina protettiva anche all’aperto anche in Puglia.  “Con efficacia immediata – si legge – fermo restando l’obbligo, sull’intero territorio regionale, di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine) in tutti i luoghi all’aperto in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro, è fatto obbligo durante l’intera giornata, di usare sempre e comunque protezioni delle vie respiratorie negli spazi all’aperto di pertinenza di luoghi e locali aperti al pubblico, nonché in tutte le aree pertinenziali delle scuole di ogni ordine e grado o antistanti ad esse (come ad esempio piazzali e marciapiedi davanti agli ingressi e alle uscite degli istituti scolastici), nonché in tutti i luoghi di attesa, salita e discesa del trasporto pubblico, fermo restando il divieto di assembramento e l’obbligo di rispettare il distanziamento fisico”

CORONAVIRUS E SERIE A.

É caos nel calcio. Dopo che il numero dei positivi al Coronavirus di tesserati del Genoa é salito a 22, anche 3 giocatori del Napoli. La Asl locale ha disposto l’isolamento fiduciario per i partenopei. Secondo una nota della Lega di Serie A, l’incontro Juventus – Napoli si giocherà regolarmente: quindi, si prospetta una sconfitta a tavolino per 3-0 per la squadra di Gattuso.

I DATI COVID DEL 4 OTTOBRE

Alle 17 il Ministero della Salute ci ha aggiornatonuovamente su quelli che sono stati i dati giornalieri in Italia, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi, ricoverati, con particolare attenzione a quelli che sono in terapia intensiva o sub-intensiva).

Il bollettino del 3 ottobre 2020 parlava di 2.578  nuovi casi 3.287 ricoverati, 303 quelli in terapia intensiva; 18 decessi.