Coronavirus in Italia, bollettino del giorno 29 ottobre 2020: +26.831 nuovi casi

coronavirus covid-19 giovedì

l bollettino del 29 ottobre 2020 parlava di 26.831 nuovi casi 15.964 ricoverati, 1.641 quelli in terapia intensiva; 217 decessi

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, giovedì 29 ottobre andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile, che saranno preceduti a tutti gli aggiornamenti della giornata.

DATI COVID-19 IN ITALIA IL 28 OTTOBRE

Il bollettino del 28 ottobre 2020 parlava di 24.991 nuovi casi 14.981 ricoverati, 1.526 quelli in terapia intensiva; 205 decessi.

I NUMERI REGIONE PER REGIONE

Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, le persone positive nelle Regioni erano:61.406 in Lombardia, 34.886 in Campania, 27.946 nel Lazio, 25.787 in Piemonte, 22.360 in Toscana, 21.600 in Veneto, 18.230 in Emilia Romagna, 12.188 in Sicilia, 9.437 in Puglia, 7.478 in Liguria, 5.348 in Sardegna, 5.029 in Abruzzo, 4.999 in Umbria, 4.526 nelle Marche, 3.921 a Bolzano, 3.732 in Friuli Venezia Giulia, 2.504 in Calabria, 1.767 a Trento, 1.184 in Basilicata, 1.430 in Valle d’Aosta, 699 in Molise.

FAUCI: “VITA NORMALE NON PRIMA DELLA FINO DEL 2021”

Il virologo americano Anthony Fauci, consulente della Casa Bianca contro il Covid-19, si è detto certo che avremo un vaccino che nei prossimi mesi ma che difficilmente saremo in grado di tornare a una vita normale prima della fine del prossimo anno o del 2022.

IL GOVERNATORE DE LUCA SCRIVE A CONTE

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha scritto una lettere al Premier Giuseppe Conte. “Signor Presidente, le segnalo con preoccupazione e sconcerto il fatto che a 15 giorni dagli incontri da me avuti con esponenti di governo, le principali richieste avanzate dalla Regione Campania per affrontare l’epidemia Covid rimangono tutt’oggi senza risposta“. “Le ricordo – prosegue la nota – che avevamo chiesto l’invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri. È una situazione sconcertante e intollerabile se si tiene conto del fatto che la Regione Campania ha una sottodotazione drammatica di personale”.

EMILIANO ATTIVA LA DIDATTICA A DSTANZA

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha firmato un’ordinanza con la quale, a partire dal 30 ottobre e fino al 24 novembre 2020, chiude tutte le scuole di ogni ordine e grado. Queste dovranno adottare “la didattica digitale integrata riservando alle attività in presenza esclusivamente i laboratori (ove previsti dai rispettivi ordinamenti dal ciclo didattico) e la frequenza degli alunni con bisogni educativi speciali“. Inoltre, le istituzioni scolastiche “devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio scolastico regionale e al dipartimento della Salute il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivo o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid”.

SOLINAS PRONTO A FIRMARE ORDINANZA

Il Governatore del Sardegna Solinas é pronto a firmare l’ordinanza che prevede la chiusura dei bar alle 20 e dei ristoranti alle 23, didattica a distanza al 100% per le scuole superiori, apertura dei teatri  con riduzione della capacità di capienza fino al 20%.

CONTE SMENTISCE VOCI DI LOCKDOWN

Il Premier Giuseppe Conte, nel corso dell’incontro con i sindacati,  ha smentito le voci di un lockdown imminente in Italia, dicendo che bisogna dare il tempo alle misure restrittive appena approvate di produrre i loro effetti. L’obiettivo è riportare la curva sotto controllo.

SITUAZIONE NEL MONDO

Nelle ultime ventiquattrore in Francia sono stati 36.437 i nuovi contagi e 244. Nella serata di ieri il Presidente Macron ha dichiarato che, da venerdì prossimo e fino dal 1 dicembre,  i bar, i ristoranti e le attività non essenziali. In Spagna sono19.765 nuovi casi e 168 nuovi decessi. La cancelliera Angela Merkel, al termine del vertice in videoconferenza con i governatori dei Laender, ha annunciato un lockdown “soft” in Germania a partire dal 2 novembre, in vigore per quattro settimane su tutto il territorio nazionale: chiusi ristoranti e bar, palestre, studi cosmetici, cinema e teatri; annullati tutti gli eventi pubblici e le feste. Rimangono invece aperte le scuole, gli asili, tutte le attività commerciali e i parrucchieri; le partite di calcio verranno disputate a porte chiuse.

I DATI COVID DEL 29 OTTOBRE

Alle 17 la Protezione Civile ci ha aggiornato nuovamente su quelli che saranno stati i dati giornalieri in Italia, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi, ricoverati, con particolare attenzione a quelli che sono in terapia intensiva o sub-intensiva).

Il bollettino del 29 ottobre 2020 parlava di 26.831 nuovi casi 15.964 ricoverati, 1.641 quelli in terapia intensiva; 217 decessi.