Coronavirus in Italia, bollettino del giorno 6 settembre 2020: + 1.297 nuovi casi

coronavirus italia domenica

Il bollettino del 7 settembre 2020 parla di 1.297 nuovi casi, 1.683 ricoverati, 133 quelli in terapia intensiva; 7 decessi

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, domenica 6 settembre andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile, che saranno preceduti a tutti gli aggiornamenti della giornata.

DATI COVID-19 IN ITALIA IL 5 SETTEMBRE

Il bollettino del 5 settembre 2020 parla di 1.695 nuovi casi, 1.620 ricoverati, 121 quelli in terapia intensiva, 29.453 in isolamento domiciliare; 16 decessi.

I NUMERI REGIONE PER REGIONE

Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, le persone positive nelle Regioni erano: 7.922 in Lombardia, 1.685 in Piemonte, 3.251 in Emilia-Romagna, 2.877 in Veneto, 1.889 in Toscana, 3.807 nel Lazio, 707 in Liguria, 2.844 in Campania, 369 nelle Marche, 1.122 in Puglia, 276 nella Provincia autonoma di Trento, 1.343 in Sicilia, 445 in Friuli Venezia Giulia, 483 in Abruzzo, 218 nella Provincia autonoma di Bolzano, 1.070 in Sardegna, 337 in Umbria, 325 in Calabria, 34 in Valle d’Aosta, 115 in Basilicata, 75 in Molise.

BASSETTI: COME DISTINGUERE COVID E INFLUENZA

In una videointervista skype rilasciata all’Agenzia Dire il Professor Matteo Bassetti, infettivologo e Direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova, ha spiegato come si deve fare per riconoscere se un paziente e’ affetto da Covid o dall’influenza stagionale, visto che la sintomatologia puo’ essere confusa. La caratteristica distintiva reta la perdita di gusto e olfatto ma oggi, rispetto ai primi tempi, é più difficile perché ci sono molti asintomatici. Si é detto dalla parte dei vaccini, sia contro l’influenzasia contro altre le malattie respiratorie. Crede che se il vaccino dovesse arrivare per il 2021 dovremmo gia’ essere soddisfatti, poi se si anticipera’ meglio. Intanto occorre essere pronti come servizi vaccinali, con strutture territoriali, farmacie e i centri della pubblica assistenza.

SPERANZA: “NON ABBASSARE LA GUARDIA”

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ribadito che bisogna mantenere altissima la soglia di attenzione fino all’arrivo del vaccino. Siamo fuori dalla tempesta ma non in un porto sicuro.

CONTE: “NO A LOCKDOWN GENERALIZZATO”

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha dichiarato che i dati continuano a essere importanti ma non si é più davanti alla esplosione di una pandemia. Ha escluso la possibilità di un lockdown generalizzato.

GELMINI: “SOLDI DEL RECOVERY FUND A SCUOLA E SANITA'”

Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera, ha proposto di destinare le somme del Recovery Fund principalmente e scuola e sanità, senza sprecarli in bonus.

I DATI COVID DEL 6 SETTEMBRE

Alle 18 il Ministero della Salute ci aggiornerà nuovamente su quelli che saranno stati i dati giornalieri in Italia, relativi a guariti, positivi (in isolamento domiciliare con o senza sintomi, ricoverati, con particolare attenzione a quelli che sono in terapia intensiva o sub-intensiva).

Il bollettino del 7 settembre 2020 parla di 1.297 nuovi casi, 1.683 ricoverati, 133 quelli in terapia intensiva; 7 decessi