Coronavirus, la regina Elisabetta II si rifugia a Windsor

Provvedimenti per scongiurare contagi: annullati gli impegni ufficiali delle prossime settimane tra cui l’incontro della regina con l’imperatore del Giappone

regina elisabettaLONDRA ‒ Gli impegni ufficiali della regina a Buckingham Palace si svolgeranno solo fino alla giornata di domani: come annunciato dalla corte, dovrà infatti trasferirsi a Windsor almeno fino al periodo successivo alle festività pasquali.

La risposta del primo ministro britannico alla pandemia covid-19 all’inizio sembrava piuttosto debole se non inesistente. Boris Johnson ha poi fatto un passo indietro rispetto al suo iniziale programma della terapia basata sulla cosiddetta “immunità di gregge”: nell’arco di poche ore ha predisposto una semi-quarantena e misure speciali per Londra, la città dove si registra il maggior numero di persone contagiate. Ha quindi chiesto ai cittadini di limitare i contatti sociali e di non frequentare luoghi pubblici come pub, ristoranti e musei, specificando che ciò è importante soprattutto per chi ha superato i 70 anni, per chi ha problemi cronici di salute e per le donne incinte.

Nella giornata di giovedì la regina Elisabetta II, che, avendo 93 anni, rientra nella fascia d’età maggiormente a rischio per il coronavirus, si trasferirà dunque nella residenza di campagna della famiglia reale, il Castello di Windsor. Come spiega un portavoce di Buckingham Palace, a causa dell’emergenza sanitaria saranno inoltre cancellati i garden party estivi, che tradizionalmente hanno luogo a Windsor.

Qui la regina si reca abitualmente nella settimana di Pasqua, ma quest’anno la partenza è stata anticipata di una settimana proprio a causa dell’emergenza sanitaria.

Molti impegni ufficiali saranno posticipati, tra cui una visita di stato all’imperatore e all’imperatrice del Giappone.