Coronavirus oggi in Italia, bollettino del 16 marzo 2021: +20.396 nuovi positivi

89

covid19 martedì

AIFA  sospende in via precauzionale la somministrazione del vaccino AstraZeneca su tutto il territorio nazionale; il 18 marzo deciderà EMA

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, martedì 16 marzo 2021 andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile.

I DATI DEL 16 MARZO

Nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati 20.396  nuovi contagi registrati  e 502 morti  Ieri erano stati 21.315 con 264 vittime. 369mila i tamponi processati, contro i 179.015 di ieri.

AGGIORNAMENTO NEWS

Nella giornata di ieri l’Aifa-Agenzia Italiana per il Farmaco ha deciso di sospendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell’Ema, che si riunirà giovedì 18 marzo, l’utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale. L’Agenzia ha spiegato che la decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei, con i quali ora valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione. L’AIFA ha fatto sapere che “renderà nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose”.

Il direttore dell’Aifa, Nicola Magrini, intervenuto a Otto e Mezzo su La7, ha spiegato che si é deciso di sospendere la somministrazione del vaccino AstraZeneca, appena ventiquattro ore dopo aver tranquillizzato sulla sua sicurezza, in linea con gli altri Paesi europei perché é necessario approfondire con accertamenti ed esami, e anche autopsie per verificare se i casi sospetti che si sono verificati in Europa nei giorni scorsi possano essere correlati al vaccino. Ha però voluto precisare che in Italia si è registrato un solo caso sospetto. La somministrazione del vaccino AstraZeneca é stata sospesa anche in Germania, Francia, Spagna, Portogallo e Slovenia ma non in Austria.

In Italia sono già state somministrate già oltre 1 milione di dosi del vaccino anti covid AstraZeneca su 2.196.000 consegnate. Se lo stop dovesse prolungarsi, il totale delle dosi in arrivo in Italia entro marzo passerebbe da 7,5 milioni a 4,6 milioni circa.

Attraverso un tweet il virologo Roberto Burioni, professore dell’Università Vito-Salute San Raffaele di Milano,ha dichiarato che non esiste alcuna controindicazione per chi ha già avuto una forma sintomatica o asintomatica di Covid: la vaccinazione non contrasta con una precedente infezione ma rafforza la risposta immunitaria. “Gira questa scemenza senza senso che dimostra solo una cosa: la totale ignoranza di chi l’ha scritta e di chi la diffonde”.

DOSI DI VACCINO RESIDUE SOMMINISTRATE AI DISPONIBILI

Il Commissario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, ha firmato l’ordinanza con cui dispone che “in sede di attuazione del Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione da SARS-CoV-2 richiamato in premessa, le dosi di vaccino eventualmente residue a fine giornata, qualora non conservabili, siano eccezionalmente somministrate, per ottimizzarne l’impiego evitando sprechi, in favore di soggetti comunque disponibili al momento, secondo l’ordine di priorità individuato dal menzionato Piano nazionale e successive raccomandazioni”.

CAMPANIA; STOP AGLI SPOSTAMENTI VERSO LE SECONDE CASE

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato una ordinanza che vieta «gli spostamenti dal comune di residenza, domicilio o dimora abituale sul territorio della Campania verso le seconde case in ambito regionale, salvo che per comprovati motivi di necessità o urgenza e comunque per il tempo strettamente indispensabile». il provvedimento sarà in vigore dal18 marzo a lunedì 5 aprile.

SITUAZIONE DEL MONDO

Nel mondo sono oltre119.874.650 contagi e 2.653.644 morti. Preoccupa la situazione in Francia dove sono oltre 1100 i ricoverati in terapia intensiva a Parigi. Nelle ultime ventiquattro ore in Brasile si sono registrati 1.057 i morti e 36mila nuovi contagi.

IL BOLLETTINO DEL 15 MARZO

Nelle ultime ventiquattro ore in Italia si sono registrati 15.267 i nuovi casi e  354 morti. Ieri erano stati 21.315 con 264 vittime. 179.015 i tamponi processati, contro i 273.966 di ieri, il tasso di positività è del 7,78 all’8,53%. 3157 erano ricoverate nelle terapie intensive (+100 ), con 243  mentre i ricoveri ordinari erano 25.338 8+80).

Ne dettaglio, gli attualmente positivi sono: 93.163 in Lombardia, 97.046 in Campania, 68.293 in Emilia Romagna, 43.439 nel Lazio, 39.123 in Puglia, 35.324 in Veneto, 30.200 in Piemonte, 24.566 in Toscana, 14.438 in Friuli Venezia Giulia, 14.756 in Sicilia, 12.835 in Sardegna, 12.806 in Abruzzo, 10.442 nelle Marche, 7.636 in Calabria, 6.337 in Liguria, 5.987 in Umbria, 4.056 a Trento, 3.933 a Bolzano, 4.121 in Basilicata, 1.523 in Molise, 333 in Valle d’Aosta.