Coronavirus oggi in Italia, bollettino del 20 febbraio 2021: +14.931 nuovi casi

41

covid sabato

Dal report settimanale dell’ISS si evince un peggioramento. Campania, Emilia Romagna e Molise diventano zona arancione

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, sabato 20 febbraio 2021 andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile.

IL BOLLETTINO DEL 20 FEBBRAIO

Nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati 14.931 nuovi casi e 251 morti; ieri i nuovi positivi erano stati 15.479 e le vittime sono invece 251, ieri erano state 353.  Il tasso di positività è del 4,8%, contro il 5,2% di ieri. 2.063 le persone ricoverate in terapia intensiva (+4),  17.725 i ricoverati (- 106). La Regione con più casi giornalieri è la Lombardia, che si conferma in crescita (+3.019), seguita a distanza da Emilia-Romagna (+1.724), Campania (+1.677), Veneto (+1.244), Toscana (+953) e Lazio (+921).

AGGIORNAMENTO NEWS

Secondo il report dell’Istituto Superiore della Sanità la scorsa settimana l’indice Rt medio, sul territorio nazionale, è stato pari a 0,99, in aumento rispetto alla settimana precedente: ossia 135,46 per 100.000 abitanti (8-14 febbraio) contro 133,13 per 100.000 abitanti del periodo 1-7 febbraio (dati flusso Iss), “lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti”.

Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, ha commentato i dati della Cabina di regia dicendo che in Italia lo scenario apparentemente stabile è in realtà in scivolamento verso un peggioramento e anticipando che la variante inglese diventerà dominante. Per questi motivi  ha invitato ad usare comportamenti prudenti. Gianni Rezza, epidemiologo consulente del Ministero della Salute, ha detto che il sistema a fasce di colore per regioni ha funzionato però i dati dicono che c’è una controtendenza verso un iniziale aumento dei casi.

Sulla base del report dell’Istituto Superiore di Sanità Lombardia e Lazio resteranno zona gialla; Campania, Emilia Romagna e Molise passeranno,  invece, in zona arancione. Resta arancione anche l’Abruzzo, contrariamente a quanto era stato supposto per la presenza nel territorio della variante inglese. D’altronde nella giornata di giovedì il Governatore Marsilio aveva anticipato che, nonostante la presenza di varianti, essendo l’RT passato da 1,22 a 1,17, la cabina di regia avrebbe dovuto confermare la classificazione dell’Abruzzo in zona arancione. Permangono in zona rossa le Province di Pescara e Chieti, come da sua ordinanza, resteranno zona rossa fino al 28 febbraio perché i due territori hanno subito e stanno subendo una forte accelerazione di casi e di ricoveri, soprattutto in terapia intensiva, che ha superato la soglia di allarme del 30%. Ricordiamo che sulla base di ordinanze emanate dai rispettivi Governatori sono zona rossa anche 1 Comune in Toscana, la Provincia di Perugia, 6 centri del ternano, 27 Comuni del Molise, uno nel Lazio e 4 della Lombardia.

C’E’ L’OK DELL’AIFA PER IL VACCIN REITHERA

buone notizie, invece, sul fronte vaccini. Nella conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute sull’analisi del monitoraggio regionale della Cabina di regia il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, ha dichiarato che somministrando la seconda dose a 12 settimana dalla prima, l’efficacia del vaccino AstraZeneca è nell’ordine dell’82% per tutte le forme di Covid-19 indipendentemente dallo loro gravità. Intanto l’Agenzia italiana del farmaco e l’Istituto Superiore di Sanità hanno ufficialmente dato l’ok alla fase 2 della sperimentazione del vaccino anti- Covid ReiThera, che si spera possa essere somministrato entro la fine dell’estate.

LA SITUAZIONE NEL MONDO

Come dichiarato dal direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità Tedros Adhamon Ghebreyesus, i casi e i morti nel mondo stanno calando. Ora si deve  fare attenzioni alle varianti e continuare la battaglia contro il virus perché il fuoco è ridotto ma non spento. Nelle ultime ventiquattro ore nel Regno Unito si sono registrati 12.027 nuovi contagi, in Brasile sono stati 10mila.

IL BOLLETTINO DEL 19 FEBBRAIO

Nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati 15.479 nuovi casi (ieri 13.762) su 288.458 tamponi effettuati (ieri erano stati 288.458), con un tasso del 4,8% (ieri 4,8%). 347 morti che hanno portato il totale delle vittime. Gli attualmente positivi sono 382.448 (-4.363), mentre i dimessi o guariti sono 2.303.199. 2.059 (+14) ricoverati in terapia intensiva, mentre i ricoveri ordinari sono 17.831 (-132).