Coronavirus oggi in Italia, bollettino del 22 marzo 2021

74

coronavirus lunedì

Da oggi Molise e Sardegna in zona arancione. Locatelli invita a vaccinarsi senza paura perché il vaccino AstraZeneca é sicuro

Nuova giornata con l’informazione de L’Opinionista sull’emergenza Coronavirus in Italia. Oggi, lunedì 22 marzo 2021 andiamo a seguire le principali notizie e gli aggiornamenti sui dati forniti dal Dipartimento di Protezione Civile.

I DATI DEL BOLLETTINO

Nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati 13.846 nuovi casi con 169.196 tamponi e 386 morti. Tasso di positività che sale all’8,1%, rispetto al 7,2%. 563.067 attualmente positivi, con un aumento rispetto a ieri di 8.605. Sono 3.510 (+62) i pazienti ricoverati in terapia intensiva, nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.049 persone (+ 565)

AGGIORNAMENTI NEWS

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, commentando la candidatura al Nobel per la pace per i sanitari italiani in prima linea contro il Coronavirus, ha dichiarato che non gli é piaciuto che si sia usato il termine “eroi”: sono piuttosto donne e uomini del nostro servizio sanitario nazionale, che hanno fatto il loro lavoro dalla mattina alla sera senza risparmiarsi mai e continuano a farlo. Intanto da oggi il  Molise (da zona rossa) e la Sardegna (da zona bianca)zona arancione la Sardegna dalla zona bianca a quella arancione; resterà in zona rossa la Campania.

LOCATELLI: “ASTRAZENECA É UN VACCINO SICURO”

Il neo presidente del Comitato tecnico scientifico e del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, intervenuto alla trasmissione “Mezz’ora in piu'” su Rai Tre, ha voluto ribadire che che AstraZeneca è un vaccino sicuro dai 18 anni in su e non ci sono motivi per avere esitazioni. In Gran Bretagna  lo hanno già ricevuto oltre 10 milioni si persone e la mortalità si è ridotta del 90%. Ovvio però che la sospensione temporanea e il fatto che i EMA non abbia escluso completamente i rischi abbiano creato qualche esitazione nella popolazione. Il vice ministro alla Salute Pierpaolo Sileri ha detto che ha già aveva creato confusione dire che prima poteva essere somministrato agli under 55, poi fino a 65, poi a tutti. È chiaro che la gente si confonde ma da li anon volerlo fare ce ne passa.

GLI ALTRI VACCINI

Il commissario Ue responsabile dei vaccini, Thierry Breton, ha dichiarato che l’obiettivo è il raggiungimento dell’immunità di gregge per l’Europa entro giugno, anzi ha indicato come data “simbolica quella del 14 luglio”, festa nazionale francese. Intanto ieri all’aeroporto di Pratica di Mare, hub della Difesa, é arrivato il secondo carico di vaccini Moderna composto da 333.600 dosi. Una volta suddivise le dosi da parte del personale del ministero della Difesa, è iniziata la distribuzione nelle varie Regioni, operazioni di cui si occupano le forze armate.

IL BOLLETTINO DEL 21 MARZO

Nelle ultime ventiquattro ore in Italia si sono registrati 20.159 i nuovi casi su 277mila tamponi e 300 morti. i nuovi casi erano stati 23.832 e i decessi 401. Tasso di positività al 7,2%. I ricoverati nei reparti ordinari sono 27.484 (+423), 3.448 (+61) in terapia intensiva.

Nel dettaglio, gli attualmente positivi sono: 105.775 in Lombardia 100.676 in Campania,74.464 in Emilia Romagna, 47.690 nel Lazio, 43.079 in Puglia, 38.954 in Veneto
34.531 in Piemonte, 26.348 in Toscana, 16.192 in Sicilia, 16.145 in Friuli Venezia Giulia, 13.016 in Sardegna, 11.182 in Abruzzo, 10.065 nelle Marche, 8.727 in Calabria, 5.951 in Liguria, 5.516 in Umbria, 4.470 in Basilicata, 3.706 a Trento, 3.308 a Bolzano, 1.347 in Molise, 530 in Valle d’Aosta