Coronavirus, scuole riaperte da mercoledì in Liguria tranne a Savona

Coronavirus, scuole riaperte da mercoledì in Liguria tranne a Savona

Tranne a Savona in Liguria le scuole riapriranno mercoledì, per lasciare il tempo agli Istituti di dotarsi degli strumenti di prevenzione

GENOVA  – “Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha emesso un suo decreto. Per quanto riguarda la Liguria é stata decisa l’inclusione della provincia di Savona nelle aree cosiddette di attenzione rispetto al  contagio. Questo significa misure equiparate a quelle di Lombardia, Veneto e Emilia Romagna; restano, quindi, sostanzialmente in vigore le normative e le limitazioni  presenti durante l’ultima settimana“. Così ha esordito il Governatore Giovanni Toti nella conferenza stampa tenuta nel tardo pomeriggio di oggi nella Sala Trasparenza della Regione Liguria.

“Nelle altre Province saranno in vigore una serie di misure di prevenzione ma che non riguardano più le chiusure e i divieti validi nell’ultima settimana – ha proseguito – In seguito al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, le scuole torneranno ad aprire nella giornata di mercoledì 4 marzo, purchè siano dotate di specifiche misure di prevenzione (es. dispenser di disinfettante fuori dall’aula). A Savona invece gli istituti scolastici restano chiusi per tutta la settimana.

La partita in programma allo stadio Ferraris lunedì sera alle 20.45 tra Sampdoria e Verona si giocherà a porte chiuse salvo diversa decisione presa dalla Lega. Sarebbe stato largamente imprudente giocare a porte aperte. Musei, biblioteche e  teatri riaprono; riprendono le diverse attività e manifestazioni pubbliche e sportive e tutto quello che era stato vietato nella precedente ordinanza. Resta, invece, chiusa per tutta la settimana l’Università, salvo casi eccezionali (es, se un esame non sostenuto dovesse pregiudicare la seduta di laurea).

Dopo il Governatore ha preso la parola il Sindaco di Genova Marco Bucci, il quale ha invitato la popolazione a continuare a seguire le misure di emergenza che sono state individuate.

“Ci siamo dimostrati in più occasioni bravi a tirarci su le maniche -ha detto- Stavolta dobbiamo farlo seguendo le misure igieniche che sono state raccomandate per evitare di avere in seguito un’enorme ricaduta economica”.

[Foto tratta dalla pagina ufficiale Facebook di Giovanni Toti]