Torna il Dolomiti Ski Jazz nelle Valli di Fassa e Fiemme: ecco quando

5
Dolomiti Ski Jazz
Dolomiti Ski Jazz
visitfiemme.it
Ph Gaia-Panozzo

Dal 3 al 12 marzo 2023 il Festival porta jazzisti di fama internazionale sulle piste da sci, nei pub, nei teatri e nelle vie dei paesi

MOENA – Un festival musicale nella neve per i cultori della montagna e degli sport invernali. Dal 3 al 12 marzo 2023 nelle Valli di Fiemme e Fassa (TN), sciatori, snowboarder e amanti delle camminate fra panorami innevati ritroveranno ad attenderli i concerti del Dolomiti Ski Jazz, diretto da Enrico Tommasini.

Ritmi caldi come quelli del jazz ma anche del blues, della musica funk e latina creeranno contrasti da brivido con lo scenario imbiancato delle Dolomiti. Da sempre un eccitante connubio tra natura e musica all’aria aperta, il Dolomiti Ski Jazz festeggerà la sua venticinquesima edizione, con una formula ampliata nelle location montane e soprattutto nel numero degli spettacoli: 25 appuntamenti, uno per ogni anno del festival.

Agli artisti principali del programma saranno riservate le serate nei teatri, dove si ascolteranno nomi di punta del jazz italiano come Fabrizio Bosso, Stefano Cantini e Francesco Maccianti e un monumento del jazz afroamericano come Bobby Watson.

I concerti in pista

I concerti più suggestivi sono quelli diurni sulle piste, per i quali ci si sposterà da una pista all’altra. Partendo dalla terrazza dell’Hotel Bellavista (Pecol di Canazei) si passerà allo Chalet Caserina (Pampeago), da lì al Ciampedie (Vigo di Fassa) fino all’avvolgente “anfiteatro di neve” che circonda il Rifugio Fuciade (Passo San Pellegrino). Toccherà poi alla Baita Rodella 2222 (Passo Sella), punto più alto toccato dal festival. Si continuerà allo Chalet 44 Alpine Lounge (Bellamonte) e al Rifugio Zischgalm (Ski Center Latemar). La “Pista del Jazz” passerà poi per lo Chalet Valbona (Alpe Lusia) e continuerà al Rifugio Ciampolin (Pecol Canazei), per concludersi domenica 12 marzo con due appuntamenti in montagna alla Baita Tonda (Alpe Cermis) e alla Baita Paradiso (Passo San Pellegrino).

Questi concerti (tutti a ingresso gratuito) prendono vita verso l’ora di pranzo nei rifugi e nei ristoranti lungo le piste, con i maestosi paesaggi dolomitici a fare da scenografia. Il paradiso degli sciatori, per oltre una settimana, diventa così luogo privilegiato per gli amanti della musica, da ascoltare preferibilmente in tenuta sportiva.

Per dare la possibilità agli ospiti delle Valli di Fiemme e Fassa di partecipare agli appuntamenti in programma, molti gruppi terranno due concerti in differenti zone. Il Rhythm & Blues Vintage del quintetto internazionale “THE HI-STAKES” farà da apripista: il 3 marzo all’Hotel Bellavista e il 4 marzo allo Chalet Caserina.

Un gradito ritorno al festival, da Parigi, sarà quello della vulcanica cantante “Kicca” che con il suo jazz, soul, funky sarà protagonista il 5 marzo al Ciampedie.

Lunedì 6 marzo al Rifugio Fuciade suonerà “Accordi Disaccordi”, trio specializzato in Gispy Jazz Manouche. Travolgenti ritmi e uno straripante senso dello spettacolo conferiscono a ogni concerto della band di James Thompson i toni di una festa. Saranno il 7 marzo alla Baita Rodella 2222 e poi martedì 8 allo Chalet 44 Alpine Lounge di Bellamonte. Il progetto creato dal cantante Dario Defrancesco il 9 marzo porterà al Rifugio Zischgalm le sue sonorità Pop-Blues. Si ritornerà dalle parti del jazz con il quartetto del sassofonista-cantante veneziano Marco Furio Forieri, il 10 marzo allo Chalet Valbona. Al Rifugio Ciampolin sabato 11 marzo suonerà il quartetto bolognese FLOAT MUSIC, con un viaggio musicale tra folk, jazz e rock che ripeteranno il concerto domenica 12 alla Baita Paradiso.

A chiudere in bellezza questa “Marcialonga musicale” a bordo pista domenica 12 marzo saranno gli incontenibili Venice Ska-J, graditissimi ospiti fissi del festival.

Il Festival sconfina a Cembra

Novità assoluta di questa venticinquesima edizione è l’ingresso in “squadra” del Comune di Cembra che ospiterà nel Nuovo Teatro il concerto della band di Kicca, venerdì 3 marzo alle 21.

I concerti nei teatri

Mentre i concerti sulle piste da sci sono un vero slalom tra generi e ritmi coinvolgenti, gli appuntamenti serali in teatro riportano l’attenzione sul jazz. Il messaggio è chiaro sin dall’arrivo al Teatro Comunale di Predazzo, il 4 marzo, del quartetto guidato dal sassofonista di Follonica Stefano “Cocco” Cantini e dal pianista fiorentino Francesco Maccianti. Mercoledì 8 a Castello di Fiemme nella Sala Polifunzionale il mitico sassofonista americano Bobby Watson festeggerà con il suo quartetto il 70° compleanno.

Al Teatro Comunale di Ziano di Fiemme venerdì 10 marzo si esibirà poi il Trio della cantante-pianista Champion Fulton con un ospite speciale: il sassofonista Joel Frahm.

A chiudere in bellezza, sabato 11 marzo, nell’auditorium del Palafiemme di Cavalese, sarà il quartetto del trombettista torinese Fabrizio Bosso, con il suo omaggio alla musica di Steve Wonder.

Le nuove Street Parade e le Jam Session

Particolarmente vivace la programmazione collaterale che affianca i caratteristici concerti in quota e i più formali live nei teatri: la street parade della Bandastorta Special Edition che il pomeriggio del 7 attraverserà Cavalese, la marching band REVENSCH animerà le vie del centro l’8 a Moena e il 9 a Tesero. Immancabili poi le jam session, con il loro jazz “a piede libero” in un contesto di ascolto socievole e informale: al Club La Grenz di Moena (il 7 e il 9 marzo).

I concerti Apres-Sky

Altri appuntamenti da non perdere sono quelli in orario après-ski. Al rientro dalle piste si potrà partecipare a frizzanti happening con Darius & Friends, il 5 marzo alle 16 al Bar International di Canazei, con Venice Ska-J presso il Ristorante Dolomites Geyser di Pozza di Fassa e la sera del 6 marzo al Birrificio Rampeèr di Campitello con la band Accordi Disaccordi.

Dolomiti Ski Jazz 2023 è organizzato dalle Aziende per il Turismo delle Valli di Fiemme Cembra e Fassa