“Ecce Caravaggio”, alla scoperta del libro di Vittorio Sgarbi

220

Venerdì 9 luglio alle ore 21,30 il volume “Ecce Caravaggio. Da Roberto Longhi a oggi” sarà presentato al Fantini Club di Cervia

ecce caravaggio sgarbiCERVIA – E’ in arrivo sulla spiaggia del Fantini Club di Cervia una serata speciale in compagnia dell’ospite Vittorio Sgarbi, che venerdì 9 luglio alle ore 21,30 presenterà il suo nuovo libro “Ecce Caravaggio. Da Roberto Longhi a oggi”, pubblicato da La nave di Teseo nella collana I Fari.

Una cornice suggestiva per un volume di altissimo livello, opera unica nel suo genere, dedicata ad uno dei più grandi pittori italiani e ai suoi dipinti ritrovati e poi valorizzati dal 1650 in poi. Vittorio Sgarbi può senza ombra di dubbio essere considerato uno dei massimi esperti e conoscitori delle opere del Caravaggio, grazie anche al profondo legame avuto con Roberto Longhi, critico d’arte che si impegnò a lungo nella rivalutazione internazionale dell’artista.

La serata, coordinata da Sauro Moretti, sarà aperta al pubblico e ad ingresso libero. L’evento sarà trasmesso anche in diretta streaming da Fantini Club Live sulle pagine Facebook Fantini Club, sul canale Youtube Fantini Club e sul sito fantiniclub, dove i video integrali resteranno disponibili anche al termine della diretta. L’evento potrà inoltre essere seguito live su OA Sport.

“Ogni stagione ha il suo Caravaggio. Questa è la più propizia, perché l’apparizione dell’Ecce Homo a Madrid è stata accompagnata da un coro di consensi senza precedenti per un’opera apparsa dal nulla. Non capitava da tempo che un dipinto mettesse d’accordo gli studiosi, imponendosi con una evidenza inequivocabile, e questo ci fa riflettere su ciò che resta, allo stato degli studi, a partire dalla mostra di Caravaggio curata da Roberto Longhi a Palazzo Reale di Milano nel 1951, vero atto di rinascita di Caravaggio dopo una damnatio memoriae durata circa tre secoli. Da questa data, il 1951, il nome di Caravaggio si infiamma ancora una volta, accendendo i desideri del mercato e dei critici, che si affannano a individuarne di nuovi, anche laddove, essi, Caravaggio non sono. E a disconoscerne altri che Caravaggio potrebbero essere, a volte anche con grande furbizia. Questo libro di Vittorio Sgarbi, dunque, non solo dà conto, per la prima volta, in modo molto sistematico, documentato e con un ricco apparato iconografico, dell’ultimo straordinario ritrovamento caravaggesco, l’Ecce Homo, a Madrid. Ma è anche l’occasione di percorrere un viaggio avventuroso ed entusiasmante nei labirinti, rivalità, furbizie che hanno accompagnato la riscoperta di Caravaggio, a partire da quel fatidico 1951, settanta anni fa esatti”.

VITTORIO SGARBI

Vittorio Sgarbi è nato a Ferrara. Critico e storico dell’arte, ha curato mostre in Italia e all’estero, è autore di saggi e articoli. È parlamentare della Repubblica, sindaco di Sutri (VT), prosindaco di Urbino, presidente di Ferrara Arte, presidente della Fondazione Canova, presidente del MART. Nel 2011 ha diretto il Padiglione Italia per la 54° Biennale d’Arte di Venezia. Nel 2017 è stato chiamato per chiara fama alla Università per stranieri di Perugia come professore ordinario di Storia dell’arte. La serie di volumi dedicata al Tesoro d’Italia, una storia e geografia dell’arte italiana, comprende Il tesoro d’Italia. La lunga avventura dell’arte (2013), Gli anni delle meraviglie. Da Piero della Francesca a Pontormo (2014), Dal cielo alla terra. Da Michelangelo a Caravaggio (2015), Dall’ombra alla luce. Da Caravaggio a Tiepolo (2016), Dal mito alla favola bella. Da Canaletto a Boldini (2017), Il Novecento. Volume I: dal Futurismo al Neorealismo (2018), Il Novecento. Volume II: da Lucio Fontana a Piero Guccione (2019). Tra le sue pubblicazioni più recenti, Parmigianino (nuova edizione 2016), La Costituzione e la Bellezza (con Michele Ainis, 2016), Leonardo. Il genio dell’imperfezione (2019) e Caravaggio. Il punto di vista del cavallo (nuova edizione 2021).