Festival Trentino Jazz 2022: il programma dei concerti

50

saxophone

Con undici anni di vita alle spalle TrentinoInJazz propone fra luglio e agosto 44 concerti, ancora una volta all’insegna del network che unisce rassegne preesistenti sul territorio trentino. Vera e propria rete di spettacoli, TrentinoInJazz è una delle più lunghe iniziative musicali del panorama nostrano ed europeo: nel 2022 ha cominciato a organizzare spettacoli in gennaio, con una serie di appuntamenti di Jazzclub a Trento e Rovereto e con Dolomiti Ski Jazz sulle nevi della Val di Fassa e di Fiemme.

Il festival terminerà in dicembre, coprendo quattro stagioni grazie al networking tra enti locali e organizzatori; è aperto a varie declinazioni del jazz e generi affini, coinvolge centinaia di musicisti, addetti ai lavori e promoter, mette in connessione attività artistiche, Comuni, accoglienza e turismo in alcuni dei luoghi più affascinanti d’Italia e d’Europa.

A questo va aggiunto l’ingresso gratuito per la maggior parte delle serate. Trentino Jazz è la ETS che ha ideato e coordina il TrentinoInJazz, dal 2011 un cartellone di manifestazioni “federate” sull’intero territorio della provincia di Trento.

TrentinoInJazz 2022 questa estate in luglio ed agosto punta sulle diverse espressioni del jazz contemporaneo e si snoda tra sei rassegne diverse: Valli del Noce Jazz (dal 15 luglio); Panorama Music (dal 3 luglio), Lagarina Jazz (dal 12 luglio) Valsugana Jazz Tour (dal 26 agosto), Garda Jazz (dal 1 agosto) ognuna con la propria identità artistica e connotazione territoriale.

Garda Jazz condivideva il Cartellone Trentino Jazz prima del 2011. Oggi ritorna a farne promozionalmente parte, pur conservando totale autonomia organizzativa e gestionale (al contrario delle altre rassegne).

Il 15 luglio parte la sezione Valli del Noce Jazz, come sempre dal respiro internazionale, incentrata su esperienze, generazioni, culture, mondi e tradizioni diverse. Da segnalare il concerto del Trio svizzero di Marc Perrennoud (il 16 luglio a Tassullo), il progetto di Ferdinando Romano “Totem” (“Miglior Nuovo Talento Italiano” nel Top Jazz di Musica Jazz 2020 – il 15 luglio a Mezzolombardo) “Embracing the Future”con il pianoforte preparato di Simone Graziano (il 23 luglio a San Romedio) e il laboratorio con concerto conclusivo IN THE SPIRIT OF JAZZ di Carlo Cattano (il 21 luglio a Cles).

Panorama Jazz è una rassegna di concerti in quota, giunta alla settima edizione, negli scenari più suggestivi incastonati tra le cime dolomitiche. Il 3 luglio apertura sul Ciampedie con un duo di eccezione, la cantante friulana Elsa Martin e il pianista Stefano Battaglia in un programma dedicato a Pierpaolo Pasolini, nel centenario della nascita. Da segnalare la sezione dedicata alla canzone d’autore delle lingue minoritarie (fra tutti il concerto in ladino di Martina Iori, il 17 luglio a Passo San Pellegrino). Poi ancora il 7 agosto il trio Fedra con ospite Fulvio Sigurtà (a Col Margherita).

Dalle cime delle Dolomiti alle rive del più grande lago italiano, Il Garda Jazz propone una serie di concerti in agosto. Fra gli altri l’11 agosto ad Arco il trio di un mostro sacro della scena jazzistica, il virtuoso bassista John Patitucci con il Trio e una cantante di fama internazionale come Lucy Woodward il 13 agosto a Riva, in un concerto fra pop, blues e jazz.

Alla fine di agosto in Valagarina un programma ancora da definire per intero che vedrà certamente il 27 agosto a Villa Lagarina le foto di Pino Ninfa illustrate dalle musiche di Boris Savoldelli e Massimiliano Milesi.