“Filippo La Vaccara. Figura” la mostra di Filippo La Vaccara a Milano

22

Galleria Area\B di Milano presenta dal 28 settembre all’11 novembre 2022 la mostra “Filippo La Vaccara. Figura”

15. Senza titolo, 2016, terracotta engobbiata, 14 x 11 x 14 cm

MILANO – La chiarezza, l’essenzialità, la levità: sono questi gli elementi distintivi del lavoro di Filippo La Vaccara che la galleria Area\B di Milano presenta dal 28 settembre all’11 novembre 2022 nella mostra “Filippo La Vaccara. Figura”. Curata da Ivan Quaroni, la personale dell’artista siciliano raccoglie circa quaranta opere, la maggior parte delle quali inedite. Tra sculture in ceramica e terracotta e dipinti su carta e su tela, anche di grandi dimensioni, il percorso espositivo alterna le tecniche e i soggetti prediletti dall’autore: scultura e pittura, paesaggio e figure.

Il termine “figura”, che dà il titolo alla mostra, asciutto e sintetico, si rivela funzionale alla descrizione delle opere di La Vaccara, per lo più costituite da forme di teste umane in terracotta modellate e plasmate nell’argilla, successivamente decorate a ingobbio o smalto, abbastanza indefinite da essere considerate un punto di partenza, un momento aurorale dell’immagine, piuttosto che una forma conclusa e definitiva. Pur nella loro figuratività, le sue “teste” sono volti dai tratti sommari, mai riconducibili a una precisa identità, che possono essere considerati come dei ritratti di idee che corrispondono a tipologie psicologiche o personalità colte nella loro essenza. Non si conformano ad alcun modello stilistico, ma sono -come i suoi dipinti- il prodotto di un processo di decantazione concettuale e formale.

«Le sue visioni assumono la forma di dipinti rarefatti, quasi aerei, dove compaiono poche e isolate figure umane o paesaggi silenti, tracciati con sapienti campiture e rapidi tratti di pennello. E dove lo spazio è assai maggiore dell’ingombro occupato da figure e oggetti, così da orientare lo sguardo dell’osservatore verso ciò che è essenziale», spiega il curatore Ivan Quaroni.

Quel che si vede sulla superficie delle tele o nel modellato delle teste di La Vaccara è semplice e chiaro: il suo lavoro è pura sintesi che vuole lasciare spazio alla percezione dell’osservatore. Attraverso un linguaggio formale sempre improntato alla delicatezza, l’artista dà vita a figure dalla linea sottile che provengono dalla combinazione di pensiero ed esperienza in una zona franca tra il vissuto e l’immaginato.

Non manca inoltre la volontà di calare le sue “visioni” nel contesto del quotidiano: fin dagli esordi nel campo della scultura esegue infatti scatti delle sue opere, non solo nei luoghi espositivi o nel suo studio, ma anche in contesti estranei, in posti già caratterizzati da una storia come spazi pubblici, architetture industriali, piazze, autobus e fermate della metropolitana. Questa sua ricerca di un rapporto diretto con la realtà lo porta a creare un cortocircuito tra la dimensione ideale e quella concreta ed esperienziale. Ed è questo stesso stimolo ad averlo spinto a produrre una serie di grandi teste indossabili, che talvolta lui stesso veste, modellate in cartapesta dipinta.

La mostra è accompagnata da un catalogo, edito da Vanillaedizioni, con testo critico di Ivan Quaroni.

Cenni biografici

Nato a Catania nel 1972, vive e lavora a Milano.
Tra le mostre personali si ricordano: “SENZA TITOLO”, Museo Civico, Castelbuono – PA (2022); “Viaggio intorno al quadro”, Cantieri Culturali alla Zisa, Spazio Marceau, Palermo (2019); “La Vaccara / Maillet (con Daniel Maillet)”, Museo Valtellinese di Storia e Arte, Sondrio e Galleria Credito Siciliano, Acireale (2012); “La Trama Invisibile”, Galleria Claudia Gian Ferrari e Galleria The Flat , Milano (2009); “Filippo La Vaccara”, Galleria Salvatore + Caroline Ala, Milano (2000); “Attraverso gli occhi”, Viafarini, Milano (1998). Tra le collettive: “WAAG,We Are All Greeks”, Museo di Cultura Bizantina, Salonicco e Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Palazzo Riso, Palermo (2021); “Il più ibrido dei continenti”, Palazzo Ciampoli, Parco Archeologico

Naxos Taormina, Taormina (2021); “La Scultura Italiana del XXI secolo”, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano (2010); “Getting on mother’s nerves”, Mother’s Tankstation, Dublino (2006). Sue opere si trovano presso le collezioni pubbliche di: Museo del Novecento, Milano; Museo Civico, Castelbuono, Palermo; Museo delle Trame Mediterranee, Fondazione Orestiadi, Gibellina, Trapani; Fondacion Focus-Abengoa, Siviglia; Arsenale, Spazio Thetis, Venezia; Museo Civico Casa Varoli, Cotignola – Ravenna.

Galleria Area\B, Via Passo Buole 3, Milano
28 settembre – 11 novembre 2022
Opening: martedì 27 settembre, ore 18.30
Orari: lun – gio, ore 10-18; ven, ore 10-17. Sabato su appuntamento.
Ingresso libero