Funerali Gino Strada, Acerbo: “Assenti gli esponenti del governo e le più alte cariche dello stato, non mi stupisco”

137

ROMA – “Non mi stupisce che nessun esponente del governo sia andato a rendere omaggio a Gino Strada per l’ultimo saluto. Nemmeno l’assenza delle più alte cariche dello stato. Uno degli elementi costituenti della seconda repubblica è stato il ritorno della guerra e la condivisione, da parte dei due poli, del nuovo ruolo della Nato con le relative “guerre umanitarie”. Ricordo che la prima partecipazione diretta dell’Italia repubblicana a un conflitto fu nel 1999 la guerra contro la Serbia: il presidente del consiglio era Massimo D’Alema, ministro della Difesa Sergio Mattarella. Tra centrodestra e centrosinistra vi è stata una costante competizione nel dichiararsi fedeli alleati degli Usa e servizievoli partner nella Nato”.

Così Maurizio Acerbo (foto), segretario nazionale di Rifondazione Comunista.