Giornata Mondiale del Teatro, Franceschini: ‘Gli aiuti non si fermeranno’

42

MILANO – “Gli aiuti non si fermeranno”: nel giorno in cui in tutto il mondo si celebrava la giornata del teatro, dopo un anno ancora a sipari chiusi, è questa la rassicurazione del ministro della Cultura Dario Franceschini. “In Italia doveva essere una giornata di festa, una prima ripartenza – dice il ministro – purtroppo non è così, la grave emergenza sanitaria non ha consentito la riapertura di teatri e cinema già prevista nelle zone gialle essendo tutta Italia in zona rossa o arancione. Ma arriverà la riapertura e fino ad allora continueremo ad aiutare”.

Una cinquantina di persone, tra lavoratori del coordinamento spettacolo della Lombardia e studenti, ieri mattina ha occupato il cortile del Teatro Grassi di via Rovello, in pieno centro a Milano. Per l’azione di protesta contro la chiusura delle istituzioni culturali hanno scelto – spiegano – una data non casuale: “Stabiliremo qui un parlamento culturale permanente, come luogo di incontri, assemblee, dibattiti e laboratori”, ha detto Valentino Ferro, tecnico luci e lavoratore dello spettacolo, tra gli occupanti del teatro Grassi. I lavoratori dello spettacolo intorno alle 8 sono entrati nel cortile dell’istituzione culturale dove intendono rimanere quanto possibile per quelle che chiamano le ‘Prove di uno spettacolo vivo’.

“Questa azione – ha spiegato Ferro – si inserisce in una giornata di respiro nazionale per rilanciare le lotte dei lavoratori dello spettacolo e le nostre richieste di riforma, tutela e reddito di continuità. Abbiamo scelto il Piccolo perché è il primo teatro di prosa comunale d’Italia, come scritto nel programma di sala del ’47. Per noi è un simbolo”. Presidio davanti all’ingresso del teatro, su via Dante.