Green pass: cosa cambia dal 1° aprile

37

ROMA – Nuove regole dal 1° aprile – e almeno fino al 30 – per quanto riguarda per Super green pass e Green pass base.

Lavoro – “Le persone sopra i 50 anni non dovranno più avere il cosiddetto Green pass rafforzato, ma sarà sufficiente per loro fino al 30 aprile il Green pass base, quindi non ci sarà più la sospensione dal lavoro” in assenza di Super green pass. “La sospensione dal lavoro” in assenza di vaccinazione Covid-19, ha spiegato il ministro della Salute Speranza, “resterà solo per una fascia che noi riteniamo essere quella più a rischio, più sensibile, perché è quella che ha più a che fare con le fragilità, ovvero il personale sanitario, i lavoratori delle strutture ospedaliere e i lavoratori delle Rsa”. Solo per loro, e non più quindi per i lavoratori di scuola, comparto sicurezza e forze dell’ordine, “c’è un prolungamento dell’obbligo” di vaccino anti-Covid “al 31 di dicembre e le norme restano esattamente come sono oggi. Quindi, per questa peculiare categoria – ha chiarito il ministro – resta ancora anche la sospensione dal lavoro in caso non vaccinazione”.

Ristoranti al chiuso, palestre, piscine – “Resterà vigente il Super green pass, fino al 30 aprile, nei servizi di ristorazione, svolti al banco, al tavolo, al chiuso, di qualsiasi servizio” compresi “piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra e di contatto, centri benessere”, ha precisato il ministro. Necessario il Super green pass fino al 30 aprile anche per “convegni e congressi, centri culturali, centri sociali, ricreativi, feste, attività di sale gioco, sale scommesse, sale Bingo e casinò. Attività che abbiano luogo in sale da ballo discoteche e locali assimilati e partecipazione del pubblico agli spettacoli aperti, nonché agli eventi e alle competizioni sportive che si svolgono al chiuso”. Si tratta di una disciplina che, “con gradualità ci porterà, al primo maggio al superamento del green pass”, ha detto Speranza.