Guerra Ucraina-Russia, Di Maio: “Sanzioni sempre più dure a Mosca”

23

ROMA – Sulla guerra tra Ucraina e Russia “l’Italia, insieme agli alleati Nato e ai partner europei sostiene l’integrità territoriale e la sovranità ucraina, lavorando incessantemente per porre fine al conflitto, attraverso sanzioni sempre più dure per la Russia, ma, soprattutto, attraverso il canale della diplomazia, che si non è mai chiuso”. Così Luigi Di Maio, parlando oggi dal Qatar, ha sottolineato che ciò è dimostrato dalla “fitta serie di riunioni che si sono succedute, alle quali sto partecipando in questi giorni. Da ultimo con le riunioni ministeriali della Nato, del G7 e il Consiglio Affari Esteri straordinario del’Ue”. Il ministro degli Esteri ha poi ribadito “la gravità e l’inaccettabilità dell’invasione” russa e “la mia profonda vicinanza al popolo ucraino”.

“L’invasione dell’Ucraina voluta da Putin e le sanzioni ad essa connesse impongono di considerare attentamente le ripercussioni sul settore dell’energia, non solo in Italia ma nell’intera Unione Europea”, ha affermato ancora Di Maio, sottolineando che “si pone con urgenza la necessità di accelerare il processo di diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico, condizione fondamentale per garantire la nostra stabilità e la sicurezza”. “Per questo lavoriamo di concerto con gli altri Stati membri a una strategia energetica europea – ha sottolineato – Allo stesso tempo, l’Italia resta impegnata anche a livello bilaterale, come dimostrano la mia recente visita in Algeria e la mia presenza a Doha”.

“Rafforzando i legami con il Qatar, e con altri Paesi, dove mi sono recato la settimana scorsa, ci rendiamo autonomi anche da eventuali ricatti dal gas russo”, ha affermato Di Maio aggiungendo: “Abbiamo definito un piano italiano di sicurezza energetica per tutelare i nostri cittadini e le nostre imprese. Stiamo dando il massimo per il nostro Paese. Sono convinto che il consolidamento della partnership energetica con il Qatar porterà sviluppi positivi anche per le nostre imprese”. E ancora: “Ho molto apprezzato la posizione assunta dal Qatar nei confronti di Mosca, una posizione seguita da iniziative concrete da parte di Doha. Ne menziono due, in ordine di tempo il supporto per la mozione ucraina in seno al Consiglio dei Diritti umani, e il sostegno per l’adozione della storica risoluzione di condanna all’aggressione russa, co-sponsorizzata dal Qatar e adottata lo scorso 2 marzo dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite”.