Italmopa: “Bene le modifiche apportate al registro carico e scarico cereali e sfarinati”

53

granoROMA – Italmopa – Associazione Industriali Mugnai d’Italia (Federalimentare/Confindustria) esprime il suo apprezzamento per le opportune modifiche apportate, in ambito al Decreto Milleproroghe, al registro carico e scarico cereali e sfarinati istituito con la Legge 178/2020. Di particolare rilevanza appaiono la parziale esclusione degli sfarinati dal campo di applicazione della norma e l’assenza di sanzioni sino al 1° gennaio 2024 per gli operatori che non avranno istituito il citato registro.

“Si tratta di modifiche sostanziali che, pur salvaguardando lo spirito della norma – ovvero quello di un adeguato monitoraggio delle produzioni cerealicole, peraltro già attualmente garantito attraverso altri strumenti – riconoscono l’esigenza di evitare di accentuare ulteriormente le indubbie attuali difficoltà nelle quali si dibatte l’Industria molitoria nazionale per via dell’incremento, senza precedenti, dei costi della materia prima frumento, energetici e logistici”, evidenzia Emilio Ferrari, Presidente Italmopa. “L’applicazione della norma originale, che risultava peraltro del tutto inapplicabile nella sua formulazione, avrebbe infatti determinato, per il comparto, l’obbligo di ingiustificati e ingenti investimenti strutturali, riconducibili ad esigenze amministrative e non produttive, i cui costi sarebbero necessariamente stati assorbiti dall’Industria molitoria e dai consumatori, già fortemente penalizzati dalle dinamiche inflative in corso”.

“La proficua interlocuzione sviluppatasi nel corso delle ultime settimane con il Ministro Patuanelli, il Sottosegretario Centinaio e gli interlocutori istituzionali”, conclude Ferrari, “ha così consentito di superare parzialmente le criticità contenute nella norma originale e di raggiungere comuni obiettivi, quali quelli di garantire la tenuta di un comparto di eccezionale rilevanza per la tenuta socio-economica del Paese, riferimento per la produzione di beni di primaria importanza quale pasta e pane, di tutelare i consumatori e, di conseguenza, di promuovere, in chiave di sistema-Paese, filiere d’eccellenza come quelle del frumento duro e del frumento tenero”.