Lavoro, osservatorio Cna: “Tra artigiani, micro e piccole imprese l’occupazione è cresciuta anche durante la crisi”

19

ROMA – Ad agosto l’occupazione nell’artigianato, nelle micro e nelle piccole imprese risulta in leggera diminuzione. Ma rimane in aumento su base annua grazie a sette mesi di crescita ininterrotta. Con i dati su assunzioni e cessazioni che mostrano un mercato del lavoro finalmente sbloccato. A rilevarlo è l’Osservatorio lavoro CNA, curato dal Centro studi della Confederazione, che analizza a cadenza mensile le tendenze dell’occupazione nelle imprese artigiane, micro e piccole fin dal 2014, all’inizio della stagione di riforme che ha profondamente modificato il mercato del lavoro nazionale.

Scendendo nei dettagli, l’Osservatorio registra ad agosto 2021 un arretramento pari al -0,8 per cento rispetto al mese precedente. A livello tendenziale, però, l’incremento segna un +2,3 per cento, rimanendo su livelli tra i più alti dell’anno. Questi dati sono il frutto della crescita a livello tendenziale sia delle assunzioni (+27,8 per cento) sia delle cessazioni (+20,9 per cento). Una situazione ben diversa da quella di un anno fa quando le imprese erano molto più timide e le assunzioni arretravano fino al -10% e le cessazioni, sulla scorta del blocco dei licenziamenti, al -18,8%.

Nel complesso, insomma, perlomeno nel mondo dei “piccoli” l’occupazione sembra aver superato l’emergenza da pandemia e anche la consueta battuta d’arresto estiva, grazie in particolare agli ottimi risultati di giugno e luglio. In questo quadro un dato significativo è il progressivo calo dei contratti a tempo indeterminato rispetto alle posizioni a tempo determinato. Un risultato da leggere con cautela evitando superficiali valutazioni quando non demonizzazioni.

I contratti a tempo determinato sono dei contratti che, dal punto di vista qualitativo, non hanno nulla da invidiare alle posizioni a tempo indeterminato. Garantiscono infatti gli stessi diritti a livello retributivo e contributivo, di ferie e di eventuali benefici ulteriori rispetto allo stipendio. Hanno, inoltre, perlomeno due grandi meriti. Hanno costantemente facilitato l’emersione dal “nero”. E anche nei periodi di crisi più buia hanno garantito l’accesso al lavoro nelle imprese più coraggiose e proiettive.